L'Italia Under 21 crolla ai supplementari: 5-3 per il Portogallo, Azzurrini fuori ai quarti

·3 minuto per la lettura

L'Italia Under 21 di Nicolato saluta gli Europei già ai quarti di finale dopo una partita pirotecnica, raddrizzata in extremis sia nel primo tempo che nel secondo ma decisa ai supplementari in favore del Portogallo. I gol di Pobega, Scamacca e Cutrone non bastano: il 5-3 in favore dei lusitani, maturato nel secondo tempo supplementare, sancisce l'uscita di scena dell'Italia nel primo scontro a eliminazione diretta e manda il Portogallo in semifinale.

Rovesciata di Mota | Jonathan Moscrop/Getty Images
Rovesciata di Mota | Jonathan Moscrop/Getty Images

POBEGA RIAPRE TUTTO - Avvio traumatico per gli Azzurrini, il Portogallo ci prova subito dalla distanza con Vitinha e Carnesecchi si rifugia in corner ma, proprio sul calcio d'angolo successivo, Dany Mota s'inventa un'acrobazia che sorprende la difesa azzurra: vantaggio lusitano al 7' con una spettacolare rovesciata. La reazione degli uomini di Nicolato è parziale, segnata da diversi errori tecnici nel momento di far male e da una certa discontinuità, col Portogallo ordinato in fase di possesso. Dopo un'occasione di Pobega, conclusione di poco fuori, è il Portogallo a riportarsi in attacco con efficacia: calcio d'angolo ancora letale per l'Italia, col solito Dany Mota che con un potente mancino manda il pallone in rete sfruttando la sponda di Bragança. Il raddoppio lusitano è una botta dura per gli Azzurrini ma, proprio all'ultimo tuffo, arriva il gol di Pobega che da due passi batte Diogo Costa su assist di Rovella. Una rete che dà morale prima di tornare negli spogliatoi.

Il gol di Pobega | Jurij Kodrun/Getty Images
Il gol di Pobega | Jurij Kodrun/Getty Images

PAREGGIO IN EXTREMIS - Ripresa ricca di emozioni, ancor più del primo tempo: beffa per l'Italia dopo una buona occasione, con un reattivo Diogo Costa su Frattesi e con il 3-1 firmato due minuti dopo da Gonçalo Ramos, destro a incrociare che beffa Carnesecchi e rimette in salita la strada per gli Azzurrini. La formazione di Nicolato però non molla e trova subito il 3-2 con Scamacca da due passi, su assist di Raspadori: è ancora tutto aperto. Nel finale il Portogallo torna minaccioso ma l'Italia resta in partita fino in fondo e, con Cutrone, trova il gol del 3-3 all'ultimo minuto, come nel primo tempo: assist di Sottil e destro dell'ex rossonero di prima intenzione, un gol che consente agli Azzurrini di sperare ancora.

Esultanza portoghese | Jurij Kodrun/Getty Images
Esultanza portoghese | Jurij Kodrun/Getty Images

IL CROLLO FINALE - Il primo tempo supplementare inizia nel peggiore dei modi per gli Azzurrini, il doppio giallo ai danni di Lovato lascia la squadra in dieci, costretta dunque in inferiorità numerica nel momento decisivo della sfida. L'Italia regge l'urto degnamente e si rende pericolosa nonostante l'uomo in meno, Cutrone controlla bene ma non trova lo specchio. Dall'altra parte il rossonero Leao, entrato da pochi minuti, ci prova di testa ma manda fuori: si resta sul 3-3. Nel secondo supplementare parte forte il Portogallo: Carnesecchi si rifugia in corner ma, successivamente, soccombe di fronte a Jota e al suo tiro dalla breve distanza, un rasoterra che disillude l'Italia dopo una sfida combattuta e ricca di ribaltamenti. A porre poi fine in modo definitivo ai sogni di rimonta ci pensa Conceição che ubriaca la difesa azzurra e batte Carnesecchi: 5-3 e Italia eliminata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli