L'omaggio a Clemente Russo: "Proseguo come tecnico"

·1 minuto per la lettura
Italy's Clemente Russo is declared the winner over Azerbajan's Teymur Mammadov after their Men's Heavy (91kg) semi-final boxing match at the London Olympic Games August 10, 2012.      REUTERS/Damir Sagolj (BRITAIN  - Tags: SPORT BOXING OLYMPICS)
REUTERS/Damir Sagolj

Stop agli incontri, ma una nuova carriera a bordo ring si profila per Clemente Russo. Il pugile di Marcianise (Ce) è stato omaggiato in occasione di un evento organizzato dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap), in collaborazione con la Federazione pugilistica italiana (Fpi). 

"Ringrazio il prezioso team di formatori, da Patrizio Oliva, Francesco Damiani fino a Giuseppe Foglia, che, insieme a tutto lo staff della federpugilato - ha detto Russo -, mi hanno dato la possibilità di crescere dentro e fuori dal ring e di farlo in sintonia con quella che è la mia seconda famiglia, il Gruppo sportivo delle Fiamme Azzurre. Ora continuerò a militare nella boxe ma stavolta da tecnico, alla ricerca del talento".

Con un record di più di trecento incontri disputati, di cui 214 per ko, Russo si è congedato dal ring a fine luglio da bicampione del mondo e due volte vicecampione olimpico, pronto a ripartire per far crescere le nuove leve. 

GUARDA ANCHE: Inter, Perisic esplosivo nel pugilato: un campione anche sul ring

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli