Luis Enrique difende la Juventus: "Non capisco le critiche, sono formidabili"

A quattro giorni da Juventus-Barcellona, Luis Enrique scherza: "Allegri, lascia in panchina Higuain e Dybala: ce li avrai riposati per il campionato".

Si avvicina a grandi passi la doppia sfida di Champions League tra Juventus e Barcellona , uno de big match dei quarti di finale. La partita più importante dell'anno per i tifosi bianconeri, che attendono di capire se la squadra di Allegri sia pronta per combattere con le società cinque stelle d'Europa.

"Guardian Fans": il servizio di Heineken ai giocatori impegnati in Champions League

Prima della sfida al Barcellona, però, la Juventus dovrà sfidare il Napoli in un'altra gara da dentro o fuori, in Coppa Italia. I bianconeri hanno pareggiato 1-1 la prima delle due gare consecutive contro gli azzurri, tirando verso la porta di Rafael solo in occasione del goal di Khedira: significa qualcosa in vista della Champions? No, secondo lo stesso club blaugrana.

E' stato Luis Enrique , alla vigilia della sfida contro il Siviglia, a difendere la Juventus dopo il pareggio di domenica notte: "Ho visto parte della partita del San Paolo e sinceramente non capisco le critiche contro i bianconeri" ha evidenziato l'ex tecnico della Roma in conferenza stampa.

"In ogni caso le critiche sono qualcosa alle quali siamo abituati, la Juventus non poteva fare più possesso palla del Napoli. E' ancora una squadra formidabile, le critiche sono sempre all'ordine del giorno" ha continuato Luis Enrique. "Mercoledì giocano la gara di ritorno di Coppa e si vedrà un'altra partita, che ci servirà come indicazione per la Champions".

Luis Enrique ha affrontato la Juventus in tre occasioni,due delle quali  risalenti alla stagione 2011/2012: pareggio a Roma per 1-1 con goal delle due bandiere Chiellini e De Rossi, furia bianconera al ritorno con un secco 4-0 firmato Vidal, Marchisio e Pirlo. Gara che sicuramente lo spagnolo non ha dimenticato.

Non l'ha dimenticata quando ha regolato 3-1 in finale di Champions con il suo Barcellona, sfida decisamente più importante rispetto alle due giocate in campionato indossando l'elegante vestito della Roma: Luis Enrique si è preso la sua rivincita, ora, due anni dopo l'ultimo atto, ci proverà Allegri.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità