Lukaku, amore solo per l’Inter ma Tuchel: “Parole infelici”

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Thomas Tuchel
    Allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco
  • Romelu Lukaku
    Romelu Lukaku
    LiveOggiDomanivs--|
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 dic. (askanews) - Botta e risposta tra Romelu Lukaku e Thomas Tuchel. Argomento il rapporto dell'attaccante belga con i tifosi dell'Inter. "Penso che la maniera in cui me ne sono andato sarebbe dovuta essere diversa. Io dovevo parlare prima con voi, perché le cose che voi avete fatto per me, per la mia famiglia, per mia madre, per mio figlio, sono cose che rimangono per me nella vita" ha detto il giocatore a Sky Sport. "Io spero davvero nel profondo del mio cuore di tornare all'Inter, non alla fine della mia carriera, ma a un livello ancora buono per sperare di vincere di più". Parole che il tecnico el Chelsea Tuchel evidentemente non ha gradito. "L'intervista di Lukaku non mi piace e non ci aiuta, perché scatena voci di cui non avevamo bisogno. Bisogna capire perché ha detto queste cose e cosa c'è dietro, ma è molto semplice prendere dichiarazioni fuori dal contesto e fare titoli" il pensiero di Tuchel.

Nell'intervista Lukaku ha proseguito: "Abbiamo fatto grandi cose insieme con l'Inter, dopo lo scudetto ho parlato con i dirigenti e ho chiesto il rinnovo di contratto". "Non pensavo ancora di andare al Chelsea, prima che fossero loro a venire a cercarmi. Ho chiamato Inzaghi, è stato bravissimo con me: lui e il suo staff sono stati dei veri uomini, come tutta la società. Ma mi ha dato fastidio il fatto di non provare a rinnovare". Dispiaciuto per l'addio di Conte "ma sapevo che con Inzaghi si poteva vincere ancora: mio fratello l'ha avuto alla Lazio e me ne ha sempre parlato bene". Lukaku ha detto di aver rifiutato una offerta del City, ma "non potevo lasciare l'Inter che ha salvato la mia carriera: a Manchester ero dentro un tunnel. E sul mio addio: in un altro momento sarei rimasto. Ma Hakimi era andato, Conte era andato, c'erano voci sulla società...". Un futuro a Milan o Juventus? "Mai, mai, mai: se torno in Italia è solo per i nerazzurri". Infine il Chelsea: "Fisicamente sto bene, ancora meglio di prima. Non sono però contento della situazione, questo è normale. Penso che il mister abbia scelto di giocare con un altro modulo, io devo solo non mollare e continuare a lavorare ed essere professionista. Non sono contento per la situazione, ma sono un lavoratore e non devo mollare".

Parole che non sono piaciute a Tuchel: "Sono sorpreso anche perché qui non lo vedo infelice, anzi. Ne discuteremo, ma lo faremo all'interno dello spogliatoio. Se sei un giocatore così importante come Romelu, sei sempre sotto i riflettori: dovrebbe sapere che tipo reazioni provocano parole come queste. A maggior ragione in un periodo in cui non si vince con continuità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli