Lukaku contro Ibra, nervi tesi e testa conto testa: l'attaccante dell'Inter è una furia

·1 minuto per la lettura
AC Milan's Zlatan Ibrahimovic, center left, and Inter Milan's Romelu Lukaku, center right, argue during an Italian Cup round of 8 soccer match between Inter Milan and AC Milan at the San Siro stadium, in Milan, Italy, Tuesday, Jan. 26, 2021. (AP Photo/Antonio Calanni)
AC Milan's Zlatan Ibrahimovic, center left, and Inter Milan's Romelu Lukaku, center right, argue during an Italian Cup round of 8 soccer match between Inter Milan and AC Milan at the San Siro stadium, in Milan, Italy, Tuesday, Jan. 26, 2021. (AP Photo/Antonio Calanni)

Un fallo, normale, di Romagnoli per far scatenare l'ira di Romelu Lukaku. Poco prima dell'intervallo del derby di Coppa Italia tra Inter e Milan, Big Rom prima va corpo a corpo con il capitano rossonero, autore di una spinta di gioco, poi viene allontanato da Kessie prima e abbracciato da Leao poi. Il tutto sembra rientrato, fino a quando non entra in gioco Zlatan Ibrahimovic.

Lo svedese ride in faccia al 9 dell'Inter mentre questo si sta avvicinando a lui in area di rigore, il belga gli risponde "non mi ridere in faccia" e da lì si arriva a un testa contro testa che scatena una piccola rissa. Ammoniti entrambi da Valeri, Ibra continua a far innervosire Lukaku mimando il gesto con la testa del classico "ci vediamo dopo". Quel dopo arriva e Ibrahimovic viene spinto via da Kessie dopo il duplice fischio del direttore di gara, mentre in due devono trattenere Lukaku, ancora nervoso e alla ricerca di Ibra. Derby che si accende all'improvviso.