Lukaku, ora è contestazione: 'Suning al capolinea, l'Inter non è un'azienda di lavatrici!'. La Nord: 'Zhang, tempo scaduto'

·1 minuto per la lettura

La rabbia dei tifosi dell'Inter è esplosa in Viale della Liberazione, sotto la nuova sede: l'addio di Lukaku in direzione Chelsea ha scatenato le ire dei supporter nerazzurri. I tifosi hanno fatto sentire la propria insoddisfazione con alcuni cartelloni attaccati sui muri della sede: "IM contrariato", "Suning al capolinea, dimettiti" e "L'Inter non è un'azienda di lavatrici".

ALTRO STRISCIONE - In serata poi altro striscione della Curva Nord contro la famiglia Zhang: "The time is over", si legge fuori dalla sede. Atmosfera incandescente a Milano.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Simone Inzaghi: "Lukaku è la nostra garanzia"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli