Lukaku sui versi razzisti: “Spero che le federazioni reagiscano alla discriminazione”

Goal.com
Il Giudice Sportivo ha deciso di non prendere provvedimenti per quanto accaduto in Cagliari-Inter. Nessun riferimento invece a Verona-Milan.
Il Giudice Sportivo ha deciso di non prendere provvedimenti per quanto accaduto in Cagliari-Inter. Nessun riferimento invece a Verona-Milan.

Durante il calcio di rigore che ha decito Cagliari-Inter, Romelu Lukaku è stato bersagliato di versi a sfondo razzista da parte di una piccola fetta di pubblico della Sardegna Arena.

L'ennesimo caso di razzismo di cui si è macchiata la nostra Serie A ha provocato reazioni in tutto il mondo sportivo. Anche l'attaccante belga ha detto la sua sul proprio profilo Instagram.

Il 26enne ha lanciato l'appello alle federazioni, chiedendo maggiori reazioni agli episodi di discriminazione, e maggior controllo ai club e ai social media.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Molti giocatori nell’ultimo mese sono stati vittime di insulti razzisti. Anche io, ieri. Il calcio è un gioco di cui tutti devono godere e non possiamo accettare nessuna forma di discriminazione che metta vergogna nel nostro gioco. Spero che le federazioni calcistiche di tutto il mondo reagiscano con forza a tutti i casi di discriminazione. I social media devono lavorare meglio così come le squadre di calcio, perché ogni giorno si vede almeno un commento razzista sotto il post di una persona di colore. Lo abbiamo detto per anni e ancora non ci sono state azioni. Signore e signori, è il 2019 e anziché andare avanti andiamo indietro, e penso che come giocatori noi dobbiamo rimanere uniti e fare una dichiarazione su questo problema, per mantenere questo gioco pulito e godibile per tutti".

Il Cagliari ha preso le distanze dall'episodio con un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito, nel quale il club ha ribadito di voler identificare i colpevoli ed espresso solidarietà a Lukaku.

"Il Cagliari Calcio prende con forza le distanze dagli sparuti, ma non meno deprecabili episodi verificatisi alla Sardegna Arena in occasione di Cagliari-Inter. (...) l Club ribadisce una volta di più l'intenzione di individuare, isolare ed estromettere dalla propria casa gli ignoranti, anche fosse uno soltanto, che si rendono protagonisti di gesti e comportamenti deprecabili e totalmente agli antipodi dei valori che, con determinazione, il Cagliari Calcio porta avanti in ogni singola iniziativa. (...) La Società non accetta che si possa minimizzare quanto accaduto, ribadisce gli alti contenuti morali della sua gente, quella che alberga in tutti i settori dello stadio, ma respinge fermamente ogni accusa infamante e sciocchi stereotipi che non possono assolutamente essere indirizzati verso i tifosi del Cagliari e il popolo sardo. (...) Piena solidarietà a Romelu Lukaku e ancora più impegno per debellare una delle piaghe che affliggono il mondo del calcio e non solo".

Potrebbe interessarti anche...