Ma quale vecchio! Solo Muriel è meglio di Ibra nel rapporto gol-minuti giocati: il rinnovo è meritato

Alessandro Di Gioia
·1 minuto per la lettura

Negli scorsi giorni vi abbiamo raccontato come ormai sia questione di tempo, forse solo di ore, per il rinnovo con il Milan da parte di Zlatan Ibrahimovic che vestirà la maglia rossonera anche il prossimo anno: accordo fino al 2022, per il quasi 40enne, che guadagnerà lo stesso stipendio che percepisce ora, ovvero 7 milioni di euro netti, raggiunti però con una base fissa più bassa e bonus più alti.

SECONDO NEL RAPPORTO GOL-MINUTI SEGNATI - I commenti alla notizia sono stati variegati, da parte chiaramente dei tifosi delle altre squadre ma anche da quelli del Milan. In molti, contrariamente a quanto si pensava, hanno posto alcuni dubbi in merito al futuro dello svedese, vista e considerata la sua età. Dubbi smentiti dalle statistiche: come riportato da Kickest, nella top 5 dei migliori giocatori della serie A per gol fatti rapportati con i minuti giocati Ibra figura nel secondo posto con un gol ogni 85', con le sue 15 reti in 16 partite.

RINNOVO MERITATO, SIA STATISTICAMENTE CHE PER LEADERSHIP -- Davanti allo svedese solo Luis Muriel, che domina incontrastato con un gol ogni 55′. Dietro Cristiano Ronaldo (un gol ogni 88′), Felipe Caicedo (un gol ogni 103′) e Romelu Lukaku (un gol ogni 107′). Insomma, dal punto di vista numerico il rinnovo di contratto è più che meritato, mentre dal punto di vista comportamentale e di leadership la questione non si pone di certo, considerati i miglioramenti del Milan da quando Ibrahimovic è tornato in rossonero. Vanno limitati gli acciacchi fisici, più che naturali: ma la soluzione non è non trattenere il leader, bensì trovare un alter ego alla sua altezza, giovane e affamato.

@AleDigio89