Londra 2012 Paralimpiadi - Macchi assolto: "Soddisfatto, ma arrabbiato"

L'atleta paralimpico ha già purtroppo perso l'evento di Londra 2012, ma almeno si consola con la propria innocenza provata dal Tribunale Nazionale Antidoping del Coni. "Ovviamente sono soddisfatto, ma anche deluso e arrabbiato"

Italpress
Londra 2012 Paralimpiadi - Macchi assolto: "Soddisfatto, ma arrabbiato"
.

Visualizza foto

Il Tribunale Nazionale Antidoping del Coni ha prosciolto l'atleta paralimpico Fabrizio Macchi dall'accusa di aver frequentato Michele Ferrari, medico coinvolto in diversi casi di doping e per questo inibito dal Coni sin dal 2002.

Il ciclista lombardo era stato fermato alla vigilia della Paralimpiade di Londra e poi deferito dalla Procura antidoping del Coni, che ne aveva chiesto la squalifica per otto mesi.

Il Tna ha però prosciolto Macchi osservando come non risultino pagamenti né programmi di allenamento, ma solo una frequentazione con Ferrari tra il febbraio e il maggio 2007, epoca in cui l'atleta varesino non era ancora tesserato per la Federciclismo, al solo scopo di aiutare le figlia del medico inibito nella preparazione della tesi di laurea svolta sulla disabilità nello sport.

"La sentenza di oggi è una grande soddisfazione ma sono anche molto deluso e arrabbiato. Ho perso un sogno grandissimo, delle medaglie paralimpiche, e' stato infangato il mio nome e la cosa più difficile è stato spiegare a mio figlio di sei anni che non poteva venire a Londra che suo padre e' sempre leale ma ci sono persone che alle volte fanno cose senza senso". E' un misto di gioia e amarezza Fabrizio Macchi, prosciolto oggi dal Tna dall'accusa di aver frequentato Michele Ferrari, medico coinvolto in diversi casi di doping e per questo inibito dal Coni sin dal 2002.

"Io mi sono preso le mie responsabilità, ora altri devono prendersi le proprie - tuona ai microfoni di Sky Sport - Sono stato l'oggetto della tesi della figlia del dottor Ferrari, per questo ne ho frequentato la famiglia e avendo dimostrato questo si è chiarita la situazione. Tra l'altro non potevo nemmeno essere fermato, il ciclismo paralimpico fa parte della Federazione ciclistica italiana dall'1 marzo 2009 e all'epoca dei fatti non potevo essere sanzionato, chi mi ha sospeso non poteva farlo. Nessuno mi ha chiesto scusa ma non sono sorpreso, ora andrà fino in fondo perché certe persone si prendano le proprie responsabilità".

Visualizza commenti (7)
  • Debuchy: 'Ho pensato di andarmene dall'Arsenal'

    Debuchy: 'Ho pensato di andarmene dall'Arsenal'

    Debuchy, giocatore dell'Arsenal, ha detto: "Non è stato semplice, l'anno scorso non ho giocato molto ma credevo di essere un titolare questa stagione. Per la Community Shield Wenger ha scelto Bellerin e io ho appreso la cosa con grande sorpresa. A quel punto, l'idea di dire addio mi è passata per la mente. Poi però ho capito che volevo restare e guadagnarmi il posto all'Arsenal". Altro »

    Sportitalia - 1 ora 8 minuti fa
  • US Open - Seppi sbatte sul muro Djokovic: l'altoatesino si ferma al 3° turno

    US Open - Seppi sbatte sul muro Djokovic: l'altoatesino si ferma al 3° turno

    Andreas gioca una partita di buonissima fattura e regolarità, ma contro il 'muro di gomma' serbo c'è poco da fare: 6-3, 7-5, 7-5 il punteggio Altro »

    Eurosport - 1 ora 9 minuti fa
  • Bundesliga - Vidal para le critiche mostrando un tweet col fisico scultoreo

    Bundesliga - Vidal para le critiche mostrando un tweet col fisico scultoreo

    L'ex centrocampista dello juventino twitta il proprio disappunto contro i detrattori in Cile che lo avrebbero visto nuovamente ubriaco all'uscita di un casinò Altro »

    Eurosport - 1 ora 13 minuti fa
  • Ilicic: 'Non mi pento d'aver scelto la Fiorentina'

    Ilicic: 'Non mi pento d'aver scelto la Fiorentina'

    Ilicic, centrocampista della Fiorentina, ha detto: "Ci stiamo preparando bene, dipende solo da noi. La partita con la Svizzera deciderà molte delle nostre speranze di qualificazione. La presenza di tanto sloveni nel campionato italiano? Ci dà grande fiducia ma comunque è una situazione completamente diversa rispetto alla Nazionale. Il club è una cosa, la Nazionale un'altra. E' importante giocare di squadra. In carriere non ho mai vinto contro la Svizzera, è arrivato il momento di farlo. ... Altro »

    Sportitalia - 1 ora 24 minuti fa
  • Krafth: 'Antonsson mi ha consigliato il Bologna, ora tocca a me'

    Krafth: 'Antonsson mi ha consigliato il Bologna, ora tocca a me'

    Krafth, neoacquisto del Bologna, ha detto: "La Serie A è un campionato bellissimo, tra i migliori del mondo, per cui non vedo l'ora di iniziare, dimostrerò al mister quanto posso lavorare duro per guadagnarmi la maglia. Prima di accettare ho parlato con Antonsson e mi ha consigliato di venire per la serietà del club. Sono un giocatore fisicamente forte e veloce, credo di poter fare bene anche in fase di spinta anche se so di dover migliorare. Tanti svedesi a Bologna? Lo so, è un grosso stimolo. ... Altro »

    Sportitalia - 1 ora 39 minuti fa