Maignan, il Milan ha deciso: non aspetta più Donnarumma che saluta i compagni, c'è la Juve

·1 minuto per la lettura

Un segnale forte e chiaro, che cambia gli scenari di mercato. Il Milan nelle ultime ore ha trovato l'affondo decisivo per Mike Maignan, portiere francese del Lille e della Francia di Deschamps. Una scelta necessaria, per battere la concorrenza di Tottenham e Borussia Dortmund, per evitare di arrivare a fine giugno senza avere certezze su chi sarà il titolare il prossimo anno. Da parte di Donnarumma e del suo entourage capitanato da Mino Raiola, infatti, non sono infatti arrivati segnali di apertura all'offerta di rinnovo da 7 milioni di euro più 1 di bonus, nemmeno dopo la qualificazione alla prossima Champions League, per questo Maldini e Massara hanno deciso di uscire da un limbo diventato pericoloso.

GIGIO SALUTA - Aspettare ancora sarebbe stato deleterio, avrebbe condizionato il prossimo mercato, che non possono fallire. Si sono tutelati, assicurandosi uno dei migliori portieri in circolazione, a costi ragionevoli. Donnarumma è sempre stata la prima scelta ma, a furia di tirarla, la corda si è rotta. Il Milan ha preferito perderlo a zero piuttosto che accettare le esose richieste d'ingaggio e di commissioni. La proposta di rinnovo era considerata ragionevole dal club, non dal portiere, che secondo quanto appreso da Calciomercato.com avrebbe già detto ai compagni che la sua avventura in rossonero è arrivata al capolinea.

C'E' LA JUVE - Salvo colpi di scena che sarebbero clamorosi, Donnarumma dal primo luglio vestirà un nuova maglia. Che potrebbe essere quella della Juventus. I contatti tra Paratici e Raiola sono continuati anche in questi giorni, il 22enne di Castellamare è la prima scelta per la porta bianconera. I prossimi giorni saranno decisivi per capirne di più. Ma un indizio è già arrivato: ora c'è Maignan, è finita l'era di Donnarumma al Milan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli