Maldini: 'Ibra è mancato, infortuni normali. Donnarumma e Calhanoglu? Rinnovi in secondo piano, testa alla Champions'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Intervistato da Dazn nel prepartita della sfida contro il Benevento, il direttore tecnico del Milan, Paolo Maldini, ha parlato anche del futuro del club in base alla qualificazione alla Champions che resta l'obiettivo più importante.

CRITICHE - "Le critiche sono dovute solo ai risultati negativi delle ultime giornate. Lo abbiamo detto in tempi non sospetti che ci sarebbero state giornate più difficili di quelle che stavamo vivendo allora e che quelle belle parole ce le saremmo dovute ricordare. È normale essere vicini alla squadra, ma è normale anche per un gruppo che ha lavorato così bene raccogliere i frutti di questo lavoro".

IBRAHIMOVIC - "È anche ipotizzabile che un giocatore del genere possa avere qualche infortunio in più ripsetto a ragazzi più giovani, ma se guardiamo anche al suo impatto non soltanto in allenamento, ma anche in campo con i gol e personalità è normale che sia mancato".

DONNARUMMA E CALHANOGLU - "Rinnovi in dubbio senza Champions? Sono discorsi importanti, però in questo momento passano in secondo piano perché in primo piano c'è chiudere il cerchio e raggiungere l'obiettivo".