Mancini: 'I convocati dell'Inter? Se son liberi gli stranieri... Attesa Zaniolo, Toloi si inserirà. De Rossi, la rabbia di Pirlo...'

·2 minuto per la lettura

Intervenuto per presentare la miniseria Rai "Sogno Azzurro" e poi in conferenza anche per le prossime gare dell'Italia, il ct della Nazionale, Roberto Mancini ha parlato del percorso che ricomincerà in questa sosta con le qualificazioni ai prossimi Mondiali di Qatar e in vista dell'Europeo.

ATS E INTER - "Stiamo aspettando di vedere quello che accadrà. Mi sembra di aver sentito che i Nazionali in forza all'Inter possano essere liberi, come è successo per i loro giocatori stranieri. Mi preoccupa non averli? No, ma mi dispiace. Ma siamo abbastanza fiduciosi. Siamo tanti anche per questo: non sapevamo la situazione che avremmo trovato, e abbiamo fatto questa scelta".

PIRLO - "La sua frustrazione quando non vede il gioco che vuole? Capita a tutti gli allenatori. Magari questo è un momento un po' delicato per lui, ma questa è la nostra vita: gioia e felicità a tratti, mentre a tratti no. La frustrazione deve durare il meno possibile: bisogna pensare in modo positivo, sapendo che nel calcio accade anche questo. Se tutte le cose che facessimo, venissero tutte bene, sarebbe incredibile. Pirlo è giovane, ha iniziato adesso e in un grande club: ha un po' di difficoltà ma fa parte del percorso".

TOLOI - "Lui gioca in un club che è predisposto ad attaccare e tenere la difesa molto alta, giocando sull'anticipo. Non credo che avrà grandi difficoltà: l'ho chiamato perché è l'ultima convocazione prima degli Europei, devo conoscerlo per capire come sia. Un conto è vedere un giocatore, un conto è allenarlo. Non ho dubbi che possa integrarsi subito, magari potrà esserci utile".

DE ROSSI - "Ne avevamo parlato un po' di tempo fa, quando aveva smesso di giocare a Roma e deciso di andare al Boca. Poi ci siamo risentiti, e abbiamo preso questa decisione: ci fa piacere averlo qui, rappresenta un giocatore molto importante per il nostro calcio e a lui serve per fare esperienza. Penso sia stata una scelta giusta per noi".

ZANIOLO - "​Stiamo seguendo quello che sta facendo, valuteremo quando rientrerà in squadra per l'Eruopeo. Chiaro che ci facciamo un pensiero ma non possiamo rischiare se non sarà pronto. Lui è giovane, potrà giocare altre competizioni importanti".

LE PARITTE – "La prima sarà più difficile perchè siamo fermi da 5 mesi. Affronteremo una squadra molto forte fisicamente, sarà la più difficile da giocare. Nel tragitto che porta al Mondiale non si può sbagliare. Dobbiamo iniziare bene in queste tre partite".

EMERGENZA – "Siamo un po’ in difficoltà sul centrale di centrocampi visto che ci mancherà Jorginho, e probabilmente tornerà a casa Cristante. Vediamo cosa succederà con i ragazzi dell’Inter quindi forse siamo un po’ in emergenza".

FLOP EUROPA PER I CLUB - "Mi dispiace che i club siano usciti dall’Europa, mi auguro sempre che possano arrivare in finale visto che ci giocano ragazzi della Nazionale".

UNDER 21 - "L'Under per l'Europeo? Faccio loro il mio in bocca al lupo per questo girone".