Mancini: 'Nations League importante per continuare a crescere. Tonali mi ha impressionato, su Chiesa centravanti...'

·2 minuto per la lettura

Il ct della Nazionale Roberto Mancini ha preso la parola nella sala stampa di San Siro per presentare la semifinale di Nations League di domani contro la Spagna.

Sui giovani, che giocano poco: “All’estero hanno più possibilità di sbagliare, ma poi si ritrovano con giocatori pronti e affermati. C’è sicuramente differenza con gli altri campionati”.

Sugli attaccanti a disposizione e sull’idea di giocare come la Spagna senza un vero riferimento: “Abbiamo un po’ di problemi perché ci mancano i centravanti dell’Europeo, ma abbiamo diverse possibilità, Kean, Raspadori e altri giocatori offensivi”.

Sul lavoro psicologico dopo 37 risultati utili consecutivi: “Vogliamo vincere la partita di domani per andare in finale, ma vorremmo continuare a vincere in generale. Dipenderà da noi, dalle nostra capacità e da quello che riusciremo a fare, dalla nostra consapevolezza nei mezzi”.

Sulle parole di Luis Enrique: “Ha ragione, è una questione matematica. Prima o poi dovremo perdere, ma speriamo che avvenga il più tardi possibile, magari a dicembre 2022, a dicembre inoltrato”.

Su Dimarco: “Lo conosco benissimo, visto che lo feci debuttare io in Serie A. Abbiamo avuto diversi infortunati e quelli che ho lasciato nell’Under 21 sono rimasti per giocare due partite importanti per la qualificazione all’Europeo”.

Sul valore di questa Nations League per la crescita della Nazionale in vista del Mondiale: “E’ una competizione importante, che arriva in un momento particolare del campionato e con un solo giorno per preparare questa gara. Arriva dopo un Europeo che è certamente una manifestazione più prestigiosa. Saranno due appuntamenti importanti per misurare la nostra forza e la nostra crescita.

Su Chiesa: “Noi abbiamo dei ruoli precisi, sappiamo quali sono le sue caratteristiche e come impiegarlo. Come centravanti abbiamo Kean, Raspadori e Bernardeschi che può giocare lì”.

Sull’ultimo precedente con la Spagna: “Era la nostra sesta partita all’Europeo, abbiamo sofferto molto contro il loro possesso, che era più consolidato nel tempo, ma a livello di occasioni c’era stato equilibrio. Dobbiamo sicuramente migliorare in questo aspetto, essere più rapidi nel far girare la palla”.

Sui miglioramenti da fare: “Siamo a 14 mesi dal Mondiale, dobbiamo giocare sempre meglio, restano offensivi ma non perdendo equilibrati e continuando a far crescere i nostri giovani”.

Sulle cose più interessanti viste in questo inizio di campionato: “I ragazzi giovani stanno facendo bene, Tonali per esempio sta disputando un grande campionato. E’ importante che molti di loro abbiano un certo minutaggio e la speranza che si continui così”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli