Mancini: "Squadra già delineata, spiace per Chiellini"

Adx/Int2
Askanews

Roma, 2 set. (askanews) - E' una nazionale condizionata dagli infortuni quella che si presenta alle due sfide contro Armenia e Finlandia di qualificazione a Euro 2020. "Mi dispiace per Chiellini, Piccini e Pavoletti - afferma il ct della Nazionale Roberto Mancini - che hanno avuto infortuni più gravi degli altri. I problemi sono i soliti di inizio stagione, ovvero affrontare squadre che giocano in campionati a metà o verso la fine". Zaniolo e Kean sono stati lasciati a casa "perché sono giovani e spero che serva per il futuro. Ma non cominciamo a dire che se perdiamo è perché manca Zaniolo". I due si presentarono in ritardo al risveglio muscolare del mattino in preparazione di Italia-Belgio Under 21, ultimo di una serie di atteggiamenti che evidenziavano come non fossero pienamente concentrati sull'Europeo. La sera prima della partita, su Instagram Zaniolo pubblicò una stories di Kean che ballava sulle note di Benji e Fede "da stasera non arrivo in ritardo...". Quasi una presa in giro a posteriori. "Credo che per giocare in Nazionale ci vogliano qualità tecniche e di comportamento. Ripeto, hanno fatto cavolate ma essendo loro così giovani devono imparare. Stavolta non ci sono, la prossima volta se meriteranno saranno qui. Ci avrebbero fatto comodo ma è giusto non averli chiamati ora. Non li ho chiamati, non c'era bisogno". Sui cori razzisti a Lukaku "la speranza è che questa roba finisca". Poi un pensiero a Mihajlovic: "L'ho sentito in questi giorni, mi sembra stia molto meglio e spero che tutto vada per il verso giusto". Piace questa serie A che segna tanti gol: "Essere propositivi può migliorare il calcio italiano". Infine le due prossime avversarie: "Non saranno semplici perché sia gli armeni che i finlandesi giocano da mesi e sono al 100%. Dovremo tirare fuori le altre qualità che abbiamo e combattere fino alla fine".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...