Mancini: "Vorremmo essere ricordati per le vittorie"

Adx/Int2

Roma, 20 nov. (askanews) - "I sicuri per l'Europeo? Al momento quasi tutti. Secondo me possono cambiare uno o due. Il gruppo è quello. Qualcuno purtroppo non sarà convocato, alla fase finale sarà un po' più difficile". Lo ha detto il ct della Nazionale azzurra Roberto Mancini, intervenendo al Social Football Summit di Roma. "Ci verranno solo in 23, dispiace perché ce ne sono almeno una decina in più che lo meriterebbero. Balotelli in Azzurro? Mancano ancora sei mesi...". Sul futuro aggiunge: "Ora abbiamo messo le basi e solo con due anni è una cosa ottima - ha aggiunto Mancini - ci piacerebbe essere ricordati più avanti, ora è presto. Non abbiamo vinto ancora nessun trofeo. Vorremmo essere ricordati per qualche vittoria. Ho sempre pensato di far pace con la Nazionale entro i 60 anni, ci sono riuscito a 54. Mi sono sempre detto: 'diventi ct della Nazionale e poi vinci un Europeo e un Mondiale…". E sulle amichevoli aggiunge: "Si possono giocare solo a marzo - annuisce Mancini - perché quelle sono le date. Vedremo che test saranno, sicuramente saranno di livello alto. Ogni partita si può vincere o perdere, l'importante è che noi continuiamo ad avere questo tipo di gioco, di mentalità, questa atmosfera che si è creata nel gruppo che poi viene riportata sul campo. Le prossime due amichevoli saranno importanti, perché prima dell'Europeo poi ci sarà forse solo un'altra partita importante. Non abbiamo tanto tempo"

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...