Mandzukic, ci sei? La scommessa di Maldini per ora non paga, il rientro e la clausola per il futuro…

Alessandro Cosattini
·2 minuto per la lettura

Che fine ha fatto Mario Mandzukic? ​Dall’unica sfida giocata da titolare con la maglia del Milan del croato si sono perse le tracce. Si è sempre visto nelle sfide casalinghe giocate a San Siro per sostenere la squadra, ma il club rossonero ha bisogno del suo contributo in campo per questo finale di stagione. I suoi numeri fin qui dicono cinque presenze, di cui quattro in campionato e una in Europa League, di cui una sola da titolare a Belgrado contro la Stella Rossa, per un totale di 157 minuti in campo. Non l’impatto che si aspettava il duo Maldini-Massara a gennaio. I dirigenti hanno scommesso sulla voglia di riscatto e l’esperienza dell’attaccante croato per dare a Stefano Pioli un’alternativa in più in attacco, ma fin qui il vero Mario non si è mai visto. Per ora, la scommessa Mandzukic non sta pagando.

QUANTE ASSENZE - Mandzukic avrebbe dovuto essere l’alternativa più credibile a Ibrahimovic, ma si è fatto male proprio nella prima e unica partita giocata dall’inizio, in Europa League contro la Stella Rossa. La diagnosi: lesione al bicipite femorale sinistro. Sei le partite saltate in campionato, tre in Europa League, fanno 9 in totale contro le 5 giocate. Poche, decisamente poche per Mario, che sta lavorando sodo durante la sosta per superare l’infortunio e rimettersi alla pari coi compagni. Prima di sbarcare al Milan era rimasto fermo un anno, dopo aver chiuso l’esperienza in Qatar, e si era sempre allenato per conto proprio. L’infortunio muscolare ha rallentato l’inserimento di Mandzukic negli schemi di Pioli, ma la speranza dei rossoneri è che per le ultime 10 possa essere la vera alternativa a Ibra nel ruolo di prima punta.

FUTURO - ​Fare bene in questo finale di campionato è fondamentale per Mandzukic. L’accordo siglato a gennaio tra il Milan e il croato è fino a giugno 2021 - 1,8 milioni netti per 6 mesi -, con possibilità di estenderlo per un’altra stagione in caso di qualificazione in Champions League o di fronte a un minimo di presenze stagionali. Al momento il Milan è secondo in classifica, a 6 lunghezze dal primo posto occupato dall’Inter (che deve recuperare la partita contro il Sassuolo) e a +4 sulla Juventus (che deve giocare contro il Napoli nel recupero) e sull’Atalanta. La corsa Champions è apertissima, il Milan ha bisogno anche di Mandzukic per le ultime 10 partite di campionato.