"Maradona è vivo", la misteriosa foto allo stadio

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"Ma è davvero lui?". Questa domanda è serpeggiata fra gli utenti dei social a proposito di un misterioso scatto in bianco e nero realizzato a Wembley dalla fotografa Sara Aribó, e poi diventato virale sui social, nel quale si nota sugli spalti un uomo - il cui volto è in verità nascosto da un cappellino - che potrebbe ricordare lo scomparso Diego Armando Maradona. La fotografia è stata scattata durante la recente finale Italia-Argentina, vinta da Messi e compagni col punteggio di 3-0.

"Maradona è vivo", la misteriosa foto allo stadio REUTERS/Enrique Marcarian (ARGENTINA SPORT SOCCER)
"Maradona è vivo", la misteriosa foto allo stadio REUTERS/Enrique Marcarian (ARGENTINA SPORT SOCCER)

A due anni dalla morte del fuoriclasse argentino, molti evidentemente non vogliono accettare la scomparsa terrena del Pibe de oro. Un po' come è sempre successo per le grandi star, da Elvis e Jim Morrison, c'è sempre qualcuno che fantastica sul fatto che non siano mai morti, anzi vivano in qualche atollo del Pacifico. L'asso argentino rientra evidentemente nella schiera dei grandi di cui è troppo difficile accettare la dipartita. Nelle ultime ore ha ricevuto una miriade di condivisioni e commenti questo scatto in cui l'uomo con la testa bassa, ritratto nella moltitudine dei tifosi, assomiglia in modo impressionante al bomber scomparso.

VIDEO - Chi è Maradona?

LEGGI ANCHE: Tris dell'Argentina a Wembley, l'Italia cede 3-0

Immediate le reazioni degli ammiratori del "Pibe". "Diez è vivo, Diego era a Wembley, non poteva fare a meno di seguire la sua Argentina" scrive un tifoso, "Non dirò quello che vedo. Lo vedi tu stesso. Scelgo solo di credere", commenta un altro.

GUARDA ANCHE: Maradona, presunta figlia chiede il test del dna

Purtroppo per chi ha scelto di "credere", il genio argentino del pallone ci ha lasciati a soli 60 anni il 25 novembre 2020 in una casa di San Andrés (Buenos Aires): negli ultimi tempi il suo quadro clinico e personale appariva molto grave, tra dipendenza all'alcool e agli psicofarmaci.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli