Marchisio non pensa alla finale 2015: "Nessuna rivincita col Barcellona"

Claudio Marchisio ha saltato l'ultimo allenamento per un affaticamento muscolare, non sarà disponibile per il big match tra Roma e Juventus.

Sotto col Barcellona. L'urna di Nyon non è stata benevola con la Juventus ma "tutte le squadre sono forti", spiega Claudio Marchisio. Il centrocampista bianconero, parlando con 'Sky' e 'Mediaset', assicura di non cercare rivincite dopo la sconfitta di Berlino di due anni fa.

"Sarà completamente diverso dalla finale 2015. Quella era una partita secca, qua ci saranno due partite e non dobbiamo considerarla come una rivincita, ma come un turno importantissimo da affrontare. Forse c'erano squadre più 'facili' sulla carta, ma chi è arrivato ai quarti ha dimostrato talento e qualità".

Marchisio ammette di essere emozionato in vista della doppia sfida: "Non vediamo l'ora di confrontarci con loro. Affronteremo una grande squadra che vuole arrivare in fondo come noi e per conquistare la finale di Cardiff bisogna essere pronti a giocare con tutti. In più avremo la prima partita in casa e dovremo sfruttare bene questo fattore".

Il 'Principino', titolare nel retour match contro il Porto, è ancora alla ricerca della miglior condizione: "So di dover lavorare ancora tanto nella quotidianità per ritornare alla forma pre-infortunio". Allegri lo ha mandato in panchina nelle ultime due gare di campionato contro Milan e Udinese e dovrebbe fare lo stesso con la Sampdoria.

Quello con i liguri sarà un appuntamento speciale per Buffon, che si appresta a diventare il bianconero con più minuti in Serie A: "Numeri incredibili, ma non stupiscono chi vede Gigi al lavoro nella quotidianità - sottolinea Marchisio - Alla sua età ogni giorno si allena con tantissima voglia, non tanto per raggiungere grandi numeri quanto per raggiungere grandi obiettivi".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità