Mario Balotelli multato in Svizzera, ritiro della patente per tre mesi

mario-balotelli-multato-svizzera
mario-balotelli-multato-svizzera

Continuano i guai per Mario Balotelli, multato in Svizzera per motivi ancora ignoti e sanzionato con il ritiro della patente di guida per tre mesi. L’attaccante del Brescia è stato infatti fermato dalla polizia elvetica del Canton Ticino per un’infrazione del codice dell strada, che ha comportato una multa di 100 franchi svizzeri oltre al divieto di guidare veicoli a motore per un periodo che andrà dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020.

Mario Balotelli multato in Svizzera

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Stando alle poche informazioni trapelate fin’ora, il divieto di guida per tre mesi sarebbe arrivato dalla sezione della circolazione stradale di Camorino, nel Canton Ticino. Il documento, pubblicato nella giornata del 12 novembre sul Foglio Ufficiale, non specifica tuttavia si il ritiro della patente valga solo sul territorio svizzero o anche su quello italiano.

Sul bollettino delle autorità elvetiche è stato inoltre emanato con notifica della sentenza nella forma degli assenti. Il comune di Camorino non è infatti a conoscenza dell’attuale residenza italiana del calciatore, che non apparirebbe neppure sui documenti. Balotelli risulta ancora residente in Francia, nel comune della Costa Azzurra di Villefranche-sur-mer, dove soggiornava ai tempi in cui giocava per la locale squadra del Nizza.

Le precedenti infrazioni

Non è la prima volta che Balotelli si trova ad infrangere il codice della strada a causa della sua passione per le auto sportive. Nell’agosto del 2017 venne infatti multato dalla Polizia Stradale di Vicenza per aver viaggiato a 200 chilometri all’ora lungo l’autostrada A4, tra i caselli di Padova Ovest e Grisignano.

Al calciatore, all’epoca in forza al Nizza, vennero decurtati cinque punti della patente ma senza tuttavia il ritiro di quest’ultima, dato che gli agenti non avevano con se l’autovelox. Una volta fermato, Balotelli avrebbe dichiarato: “Veramente stavo andando a 200 all’ora? Scusatemi. Non pensavo di andare così forte, che cosa volete, è un attimo raggiungere i 200 all’ora con questa macchina”.

Potrebbe interessarti anche...