Marotta e Ausilio di nuovo al lavoro: da Dalbert a Lazaro, 7 esuberi di piazzare

Emanuele Tramacere
·2 minuto per la lettura

Una missione importante, soprattutto in un periodo di sosta per le nazionali che, come spesso accade, significa mercato. I giorni bui legati al Covid-19 che per Beppe Marotta hanno portato anche a complicanze importanti sono ormai alle spalle e l'ad nerazzurro è tornato al lavoro per l'Inter insieme al ds Piero Ausilio, anche lui uscito dal problema della malattia, con l'obiettivo di snellire il più possibile il monte ingaggi in vista della prossima stagione e a prescindere da una situazione societaria ancora più che intricata.

QUANTI ESUBERI! - Senza considerare i giocatori che attualmente fanno parte della rosa nerazzurra e che non sono considerati più utili al progetto di Antonio Conte come ad esempio i vari Vecino, Kolarov e Young, l'Inter a fine stagione si troverà a dover prendere una decisione, o meglio a trovare una soluzione per altri 7 giocatori ancora sotto contratto e attualmente in prestito senza garanzie di riscatto in altri club italiani ed esteri.

DA DALBERT A LAZARO 4 INGAGGI TOP - Il reparto degli esterni è ancora una volta il più toccato da scelte che non hanno funzionato in nerazzurro. Dalbert non sarà riscattato dal Rennes per 12 milioni e tornerà a Milano con un contratto in scadenza 30 giugno 2023, mentre per Valentino Lazaro sarà decisiva la scelta che farà il nuovo allenatore Xabi Alonso anche se le chance di permanenza sono bassissime e anche per lui il la permanenza con il Borussia Monchengladbach è quasi nulla. Radja Nainggolan è tornato a Cagliari in prestito secco, con l'Inter ha ancora un anno di contratto e molto dipenderà da come finirà la stagione dei sardi. Chi ha più chance di addio all'Inter oggi è il portoghese Joao Mario con lo Sporting che ha manifestato l'intenzione di acquistarlo.

I NON PIU' GIOVANI - A questi 4 nomi importanti si aggiungono anche ex giocatori della Primavera nerazzurra o investimenti giovani su cui dovrà essere presa una decisione importante. Facundo Colidio all'epoca fu pagato circa 8 milioni per portarlo a Milano e al termine della stagione in prestito in Belgio e con un contratto fino al 2023 sarà un'occasione per fare plusvalenza. Stesso discorso anche per Andreaw Gravillon difensore francese classe 1998 che tornerà dal prestito al Lorient in Ligue 1 con un contratto in scadenza 2023. L'ultimo nome è quello di Gabriel Brazao, portiere brasiliano mai realmente esploso e con pochissime presenze all'attivo anche in questa stagione al Real Oviedo. Il suo contratto è ancora molto lungo fino al 30 giugno 2024 e anche per lui l'addio all'Inter sembra sempre più scontato.