I Marquez tornano a guidare una moto dopo 70 giorni

Germán Garcia Casanova
motorsport.com

La legislazione vigente in diversi paesi europei aveva già permesso la settimana scorsa che alcuni dei piloti della MotoGP, residenti in Italia e ad Andorra, tornassero ad allenarsi in moto dopo due mesi di sosta per lo stato di emergenza derivato dal COVID-19.

In Spagna, per ora erano rimasti a casa i fratelli Marc e Alex Marquez, che dall'11 marzo scorso non erano più riusciti a salire in sella ad una moto, dopo aver girato al Roco's Ranch, una pista sterrata collegata al Circuit de Catalunya.

Ora, 70 giorni dopo, Marc e Alex sono riusciti a spostarsi da Cervera al circuito di El Bosquet, a Ponts (Lleida), per fare di nuovo motocross.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leggi anche:

MotoGP, Guidotti: "Miller vicino alla Ducati ufficiale"MotoGP, Rossi: "Non andrei in Petronas solo per dire ciao"MotoGP, Lorenzo: “Ecco come ho battuto Márquez nel 2015”

"Seguendo tutte le linee guida e le raccomandazioni di sicurezza del governo e degli esperti sanitari, i due piloti della Cervera hanno iniziato ad allenarsi in bici all'aperto all'inizio di maggio" ricorda Honda in una nota.

"Ora entrambi i piloti sono stati in grado di riavviare i loro motori e di godere della sensazione che solo la guida può dare. Lieti di provare ancora una volta questa sensazione, Marc e Alex continueranno ad ampliare e modificare il loro allenamento secondo i consigli del governo, in attesa del ritorno alle gare" aggiunge il comunicato.

"Sensazioni strane"

"Dopo due mesi, onestamente, all'inizio era un po' strano tornare in moto, soprattutto nei primi giri. Ma presto mi sono sentito meglio, perché tutti i miei muscoli e la mia mente hanno ricominciato a ricordare tutto" ha spiegato Marc Marquez dopo il primo test.

"E' stato davvero bello poter tornare in moto, è una sensazione che non si trova da nessun'altra parte. Passo dopo passo ci stiamo avvicinando sempre più alla vita normale e questo è il punto più importante" ha aggiunto il #93.

Per questo ritorno, la Honda ha preparato due CRF450, che i Márquez hanno spremuto sul circuito di El Bosquet, a Ponts.

"E' bello poter tornare ad allenarsi in modo più normale ed è stato un vero piacere tornare su un circuito di motocross. Quando una cosa del genere è la tua passione, ti piace sempre molto, quindi è stato speciale tornare in moto, hai bisogno della moto nella tua vita" ha detto Alex Márquez.

"Per alcuni momenti è stato come se tutto fosse normale. Purtroppo il mondo non è ancora tornato alla normalità e noi, come piloti, così come il resto della gente del mondo, dobbiamo continuare ad adattarci e a lottare in questa situazione. Speriamo di poter avere più giorni come oggi" ha concluso il più giovane della Marquez.

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team <span class="copyright">Honda Racing</span>
Marc Marquez, Repsol Honda Team Honda Racing

Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team <span class="copyright">Honda Racing</span>
Marc Marquez, Repsol Honda Team Honda Racing

Honda Racing

Alex Marquez, Repsol Honda Team

Alex Marquez, Repsol Honda Team <span class="copyright">Honda Racing</span>
Alex Marquez, Repsol Honda Team Honda Racing

Honda Racing

Alex Marquez, Repsol Honda Team

Alex Marquez, Repsol Honda Team <span class="copyright">Honda Racing</span>
Alex Marquez, Repsol Honda Team Honda Racing

Honda Racing

Potrebbe interessarti anche...