Marte, il rover Perseverance in cerca di vita: 7 minuti di terrore

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Perseverance
Perseverance

Il Rover Perseverance è "ammartato": è arrivato cioè sul suolo di Marte dopo 7 minuti di terrore in cui ha rischiato il tutto per tutto. La missione di cui fa parte il rover è la Mars 2020 e Perseverance è pronto ad aprire una nuova pagina dell'esplorazione spaziale. La missione è destinata a cercare tracce di vita passata e a raccogliere i primi campioni del suolo marziano. Questi campioni nel 2031 saranno portati sulla Terra da una staffetta di missioni nella quale l'Italia ha un ruolo importante.

GUARDA ANCHE - Su Marte in 7 minuti di terrore

La Perseverance è la sonda più sofisticata che l'agenzia spaziale Usa abbia mai inviato al Pianeta Rosso: raccoglierà dati e cercherà segni di vita nel cratere Jezero che circa 3,9 miliardi di anni fa conteneva un lago.

Sbarcare su Marte è stata un'impresa molto difficile per via dell’atmosfera assai più rarefatta della nostra: solo in 8 casi su 21 tentativi la navicella (russa, americano o europea) non si è frantumata in una nuvola rossastra.

Il rover ha già inviato la sua prima foto alla Terra: "Hello world - si legge nel tweet - My first look at my forever home", ovvero "Ciao mondo, il primo sguardo a quella che sarà per sempre la mia casa".

GUARDA ANCHE - Spazio, rover Perseverance verso Marte ma ha gli occhi rivolti alla Bosnia