Mathias Pogba: 'Rivelazioni choc su Paul e l'avvocato Pimenta, tutti devono sapere'. La replica: 'Minacce ed estorsioni, indagine aperta'

VIDEO - Mathias Pogba shock sul fratello: "Ho dei segreti.."

Terremoto in casa Pogba. In attesa del suo pieno recupero dall'infortunio al menisco esterno accusato durante la tournée negli Stati Uniti, il centrocampista della Juventus è finito al centro di una diatriba che vede come protagonista anche il fratello Mathias. Che ieri sera, attraverso la propria pagina Instagram, ha pubblicato un video nel quale preannunciava rivelazione clamorose sul fratello Paul e sulla sua nuova rappresentante Rafaela Pimenta (che ha preso il posto dello scomparso Mino Raiola). Un gesto che ha scatenato l'immediata reazione dei legali del calciatore bianconero, che pochi minuti hanno replicato con un comunicato ufficiale.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIOMERCATO: le novità di oggi

LE PAROLE DI MATHIAS - "Il pubblico francese, inglese, italiano e spagnolo, in altre parole il mondo intero, così come i tifosi di mio fratello, e ancor di più la Francia e la Juventus, i compagni di squadra di mio fratello e i suoi sponsor meritano sapere certe cose. Per prendere una decisione informata se merita l'ammirazione, il rispetto e l'amore del pubblico. Se merita il suo posto nella Francia e l'onore di giocare in Coppa del Mondo. Se merita di essere un titolare alla Juventus, se è una persona affidabile, che qualsiasi giocatore merita di avere al suo fianco", racconta Mathias Pogba nella prima parte del video. Per poi aggiungere: "Voglio aprire gli occhi su colei che oggi chiamiamo la donna più potente del calcio e che mio fratello chiama la sua seconda madre".

GUARDA ANCHE: Pogba, la nuova acconciatura è davvero originale

LA REPLICA - Come dicevano, non si è fatta attendere la replica da parte di Paul Pogba attraverso il proprio team di legali: "Le recenti dichiarazioni di Mathias Pogba sui social media purtroppo non sono una sorpresa. Si aggiungono alle minacce e ai tentativi di estorsione di una banda organizzata contro Paul Pogba. Le autorità competenti in Italia e Francia sono state informate un mese fa e non ci saranno ulteriori commenti in relazione all'indagine in corso".