Mati Fernandez 'gufa' l'Inter: "Meglio se gli avversari perdono punti"

Nell'Inter Joao Mario preferito a Banega: Gagliardini recupera, Medel in difesa. Nel Milan Mati Fernandez e Sosa dal 1', torna Paletta.

Milan ed Inter sono impegnate in un derby a distanza per il sesto posto. Non certo un obiettivo all'altezza della storia delle due milanesi, ma il presente è questo e la classifica non lascia spazio a dubbi. I rossoneri inseguono i 'cugini', avanti di un solo punto dopo il ko casalingo di lunedì con la Sampdoria.

"Se la loro sconfitta ci ha ridato il sorriso? Noi dobbiamo guardare in casa nostra, poi se gli avversari perdono dei punti meglio ancora", spiega senza peli sulla lingua Mati Fernandez, ospite ai microfoni di 'Premium Sport'.

Il centrocampista cileno, arrivato la scorsa estate in prestito dalla Fiorentina, è partito titolare nell'ultima di campionato, ma domenica contro il Palermo dovrebbe lasciare il posto a Kucka: "A Pescara siamo stati troppo lenti nel giro palla, ma siamo ancora lì in classifica e possiamo arrivare dove vogliamo".

A limitare il rendimento di Mati Fernandez (solo 7 presenze stagionali in campionato, di cui 3 dal primo minuto) ci si sono messi i 'soliti' infortuni, che non hanno mai abbandonato il cileno nel corso della sua carriera: "Sono stato tanto tempo fuori, ora voglio allenarmi bene per raggiungere la miglior condizione".

La fiducia non manca al 30enne nazionale cileno, anche per quanto riguarda la volata per l'Europa League: "Chi temo di più tra Inter, Lazio e Atalanta? La squadra più importante è il Milan, pensiamo a vincerle tutte". Otto finali attendono la squadra di Montella: da cerchiare in rosso, in particolare, la prossima stracittadina con l'Inter (15 aprile) e la sfida interna con la Roma del 7 maggio.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità