McKennie, festa da 10 persone in casa con Dybala e Arthur: 'Rischio denuncia per resistenza a pubblico ufficiale'

·1 minuto per la lettura

Venti persone in casa, così McKennie finisce nei guai. Avevano già destato sospetti le stories pubblicate ieri sera dal centrocampista americano: nel garage della sua casa torinese, il calciatore statunitense aveva infatti organizzato una mini palestra e invitato alcuni amici ad allenarsi. Poi, in serata, una festa che ha richiesto l'intervento dei carabinieri.

COS'E' SUCCESSO - Come racconta il Corriere della Sera, nell'appartamento del giocatore americano è stata infatti svolta una festa, presenti anche alcuni giocatori della Juventus. Sono intervenuti i carabinieri di Torino per violazione delle norme anti Covid. La Juventus è furiosa ed è in arrivo almeno una multa.

DYBALA E ARTHUR - La Stampa ha riportato i nomi dei compagni presenti al party: si tratta di Paulo Dybala e Arthur Melo. Secondo il quotidiano, i carabinieri sono arrivati a casa McKennie intorno alle 23.30, ben oltre l'orario di coprifuoco, chiamati da vicini di casa poiché in quella villa è in corso una festa.

RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE - Nessuno voleva aprire il cancello e dopo un'ora di trattativa, i militari riescono ad entrare nella villa. "​Qui trovano una festa in piena regola, tra amici. Incuranti della zona rossa e delle norme anti Covid i calciatori della Juve si sono ritrovati tutti insieme", racconta ancora La Stampa. I presenti alla festa sono stati segnalati e saranno tutti sanzionati. Ora rischiano anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.