Mercedes: la W11 copia le bocche alte della Ferrari?

Franco Nugnes

La nuova Ferrari somiglierà alla Mercedes, ma anche la W11 potrà sembrare più affine alla Rossa. La stabilità delle norme tecniche 2020, in attesa della rivoluzione 2021, porterà a una inevitabile convergenza delle soluzioni tecniche più efficaci, per cui non dovremo sorprenderci se le nuove monoposto saranno più simili che in passato.

Questo, almeno in teoria, dovrebbe portare anche ad un avvicinamento delle prestazioni, promettendo un campionato molto combattuto e incerto, segno che anche un regolamento maturo potrebbe facilitare un maggiore livellamento delle prestazioni.

La freccia d’argento, stando ad alcune indiscrezioni che sono filtrate da Brackley, abbasserà il cono anti intrusione superiore che è obbligatorio ai lati della scocca per adottare una conformazione della bocca dei radiatori che si orienterà ai concetti introdotti per la prima volta sulla Ferrari SF70-H del 2017 da Simone Resta e Enrico Cardile e poi sviluppati anno dopo anno.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Ecco il cono anti intrusione della Mercedes W10 in posizione alta

Ecco il cono anti intrusione della Mercedes W10 in posizione alta <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Ecco il cono anti intrusione della Mercedes W10 in posizione alta Giorgio Piola

Giorgio Piola

Ferrari SF90: ecco la pancia con il cono anti intrusione sotto la bocca dei radiatori

Ferrari SF90: ecco la pancia con il cono anti intrusione sotto la bocca dei radiatori <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Ferrari SF90: ecco la pancia con il cono anti intrusione sotto la bocca dei radiatori Giorgio Piola

Giorgio Piola

I flussi d’aria destinati al raffreddamento passeranno sopra al cono anti intrusione che diventerà, quindi, parte del convogliatore aerodinamico che la W11 adotterà proprio come la rossa e le bocche dei radiatori saranno, quindi, spostate in alto.

Le ragioni sono sostanzialmente due: la prima a vantaggio dell’affidabilità e la seconda dell’aerodinamica. La power unit Mercedes F1 M10 EQ Power+ anche nell’evoluzione Phase 3 ha accusato frequenti problemi di surriscaldamento limitandone il potenziale, per cui ci sarà una maggiore portata di aria al motore, consentendo nel contempo il disegno di una pancia più scavata nella parte inferiore, tale da ridurre la resistenza all’avanzamento.

Mercedes W10: ecco l'estensione della scocca ai lati del motore

Mercedes W10: ecco l'estensione della scocca ai lati del motore <span class="copyright">Giorgio Piola</span>
Mercedes W10: ecco l'estensione della scocca ai lati del motore Giorgio Piola

Giorgio Piola

È molto probabile che venga rivista anche la disposizione delle masse radianti e non solo, visto che dietro alle spalle del pilota la W11 subirà una sensibile riduzione della sezione della scocca che andrà a stringersi in coda.

Ma per assicurare una capacità del serbatoio di 110 kg è stato previsto alla base della scocca una sorta di svaso a tronco di piramide che consentirà di alloggiare la benzina molto in basso a favore di un migliore baricentro, togliendo il carburante dalla sporgenza superiore del telaio che, invece, servirà agli attacchi del motore e agli accessori della power unit.

Il sostanza la parte finale del telaio avrà un’inedita forma ad H rovesciata e i due lobi sporgenti dalla scocca daranno vita a un tunnel destinato ai passaggi di aria del raffreddamento.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 <span class="copyright">Steve Etherington / Motorsport Images</span>
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 Steve Etherington / Motorsport Images

Steve Etherington / Motorsport Images

La sensazione è che a Brackley vogliano un retrotreno molto stretto per allargare i canali del fondo che alimentano il diffusore posteriore, generando un carico che costa in termini di drag, andando alla ricerca di quelle velocità massime che alla Mercedes mancavano l’anno scorso nel confronto con la SF90.

Potrebbe interessarti anche...