Messi e il barbecue, violato protocollo anti Covid? Indagine

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Lionel Messi sarà indagato dalla Liga spagnola (LFP) a seguito di una presunta violazione dei protocolli sanitari imposti dal coronavirus. Secondo i media spagnoli, Messi ha invitato i compagni di squadra e le rispettive partner a casa sua dopo la vittoria per 3-2 di domenica sul Valencia per un barbecue celebrativo. Sebbene sia stato visto come un altro esempio di Messi apparentemente di nuovo felice a Barcellona dopo il suo tentativo di andarsene l'anno scorso, l'apparente raduno ha anche attirato il tipo sbagliato di pubblicità. Il governo locale ha imposto restrizioni che vietano raduni di più di sei persone.

"Le riunioni e/o le riunioni familiari e sociali, sia in ambito pubblico che privato, sono consentite purché non venga superato il numero massimo di sei persone, tranne nel caso di conviventi", recita la normativa catalana. "Tuttavia, si raccomanda che le riunioni familiari e sociali e/o gli incontri che si svolgono in spazi chiusi, comprese le case, siano limitati il più possibile e limitati alle visite a persone dipendenti o vulnerabili e che provengono sempre dalla stessa bolla di convivenza".

La LFP sta esaminando le accuse contro Messi nel tentativo di capire se i protocolli sono stati violati. Il Barca ha respinto l'idea di una violazione per il fatto che tutti i giocatori lavorano nella stessa bolla ogni giorno.