Mihajlovic: "La Juve anni fa sbagliò. Pirlo? C'è un problema, conosce i miei segreti"

Alessio Eremita
·3 minuto per la lettura

Sinisa Mihajlovic ha presentato in conferenza stampa il prossimo match di Serie A contro la Juventus, valevole per la diciannovesima giornata di campionato. Le dichiarazioni dell'allenatore del Bologna.

PARAGONE CON PIRLO - "Chi batteva meglio le punizioni tra me e lui? Io, visti i numeri! Ho giocato meno partite di lui e abbiamo fatto lo stesso numero di gol in A, anche se uno dei suoi era autorete ma siccome è italiano gli hanno dato gol. Sono contento di vederlo sulla panchina bianconera. Il problema è che lui ora sa tutti i miei segreti quindi domani dovrò cambiare qualcosa perché quando parlo sono sincero e non ho la presunzione di essermi inventato nulla. Cerco di dire sempre quello che penso senza nascondere nulla ed è stato così anche in quella circostanza, tant'è che Pirlo subito dopo mi mandò un messaggio per ringraziarmi della lezione. Per forza di cose, quindi, dovrò cambiare qualcosa domani".

BARROW O PALACIO - "Possibile che giochino entrambi o che uno dei due parta dalla panchina, niente di nuovo."

Bologna e Juventus | Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images
Bologna e Juventus | Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images

MOMENTO DELLA JUVENTUS - "Questo è un campionato strano, quindi anche la Juve può sbagliare qualche partita in più. Ma è pur sempre la squadra che ha vinto 9 scudetti, ha grandissimi giocatori. Noi andiamo la per fare la partita e non cambieremo la nostra mentalità. Sono fiducioso, come sempre, perché io nemmeno quando giocavo pensavo di entrare in campo per perdere. Io sono sempre convinto di poter vincere e cerco di convincere anche i miei ragazzi. Ho parlato con la squadra per chiarire che non andiamo a Torino in gita, anche se è una città bella e piacevole... domani abbiamo qualcosa di più importante a cui pensare".

FRAGILITA' DIFENSIVA - "Succede a tutte le squadre. Gli altri anni si vedeva meno perché forse attaccavano meno. La coperta è corta, se tiri da una parte ti scopri dall'altra. Bisogna vedere cosa chiede l'allenatore. Poi tutte le squadre quando attaccano in tanti, si trova in difficoltà sulle ripartenze avversarie. Succede a tutti. Una squadra che invece fa un pressing difensivo e sta più compatta, partendo in contropiede con due o tre uomini, è più coperta in tutte le fasi".

JUVENTUS - "Anni fa con un'altra dirigenza, molto competente in fatto di calcio, hanno fatto qualche errore. Con la nuova dirigenza non c'è niente da dire. La Juve è un modello da seguire sotto tutti i punti di vista. Giocare nella Juve e allenarla dev'essere il massimo per tutti, è un club che non si discute. E dall'altra parte quando si vince con la Juve è tutto molto più bello. Io purtroppo l'ho fatto solo con il Catania, ci sono stato vicino con il Torino nel derby in cui alla fine ho pareggiato 1-1. Fu quella famosa gara dei 3 cambi in una volta: l'ho fatto solo perché volevo vincerla. Poi ho preso gol, e non ci sono riuscito. Sta di fatto che vincere con la Juve è una grande soddisfazione dal punto di vista professionale. Sono stato esonerato due volte dopo aver perso con la Juve, quando allenavo il Milan e il Torino. È vero che se un allenatore dev'essere esonerato dopo aver perso con la Juve allora a quanti dovrebbe succedere in Italia... Spero di non perdere domani a questo punti e se perdo, di non essere esonerato".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.