Milan, allarme Piatek? Estate senza goal per il polacco

Goal.com
Letale nella scorsa stagione, Piatek ha vissuto un estate complicata: zero goal con il Milan e la sensazione che debba ancora adattarsi a Giampaolo.
Letale nella scorsa stagione, Piatek ha vissuto un estate complicata: zero goal con il Milan e la sensazione che debba ancora adattarsi a Giampaolo.

E’ stato la grande rivelazione dello scorso campionato di Serie A e in questa stagione è chiamato non solo a ripetersi, ma anche ad essere uno dei grandi trascinatori del nuovo ambizioso Milan di Marco Giampaolo.


Krzysztof Piatek è passato in pochi mesi dall’essere un giocatore poco conosciuto in Italia ad essere considerato uno dei bomber più letali in circolazione. Approdato al Genoa nell’estate del 2018, in pochi mesi ha realizzato 19 reti in 21 partite (13 in 19 quelle in campionato) che gli sono valse la chiamata del Milan a gennaio e l’approdo all’ombra del Duomo a fronte di un esborso da 35 milioni di euro più bonus.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Anche in rossonero, l’attaccante polacco, che nel frattempo è diventato un elemento importante anche per la sua Nazionale, ha dimostrato di avere ottima confidenza con la porta avversaria (9 goal in 18 partite di campionato, più 2 in tre gare di Coppa Italia), ma ultimamente qualcosa sembra essersi inceppato.

Come ricordato da La Gazzetta dello Sport, Piatek non è riuscito a trovare la via della rete nel corso dell’estate. Poco male dal punto di vista dei risultati, visto che sono le partite ufficiali quelle che contano realmente, tuttavia il campanello d’allarme è suonato.

Il Milan è ripartito da Marco Giampaolo e l’attaccante polacco non sembra ancora essere entrato negli schemi del nuovo tecnico. Anche nell’ultima amichevole contro il Cesena, Piatek è parso spesso in ritardo e in più occasioni ha perso quella frazione di secondo decisiva per una punta.

In sei partite giocate Piatek ha sbagliato alcune occasioni clamorose, è parso poco cattivo ed è riuscito a ‘mettere all’attivo’ solo un goal annullato contro il Feronikeli. Per il resto poco altro e la sensazione che i movimenti chiesti da Giampaolo vadano ancora assimilati. Rispetto alla scorsa stagione, ora è chiamato a proporsi di più in profondità sulle fasce, ad agire più da sponda con le spalle alla porta e ad essere un po’ meno presente in area.

A meno di una settimana dall’esordio in campionato sul campo dell’Udinese il Milan deve ancora ritrovare il suo bomber e molte delle sue ambizioni stagionali sono legate proprio alle reti di Piatek.

Potrebbe interessarti anche...