Milan-Benevento 2-0, le pagelle dei rossoneri: Tomori è tornato, Theo e Calhanoglu decisivi. Ibra, manca il gol

Antonio Parrotto
·3 minuto per la lettura

E' terminata la partita tra Milan e Benevento, partita della 34ª giornata di Serie A, stagione 2020/2021. Di seguito le pagelle della formazione allenata da Stefano Pioli.

G. Donnarumma 6 - Non compie grandissimi interventi. Si tuffa e prega sui grandi tiri da fuori di Improta e Iago Falque. Bene nelle uscite e negli altri interventi di routine.

Dalot 6,5 - Era entrato molto bene a Roma. Su quella scia riprende a giocare oggi a San Siro. Grande personalità, ottimo senso della posizione.

Tomori 7 - Dopo qualche errore, torna a dirigere la retroguardia con efficacia e con autorità. Prestazione attenta, solida e senza errori, si mette più in evidenza rispetto al numero 13 con diverse chiusure importanti.

Romagnoli 6,5 - Torna titolare dopo un mese e mezzo, prendendo il posto di Kjaer. Lapadula è un cliente difficile che mette in apprensione il duo difensivo rossonero ma il capitano milanista tiene botta.

Hernández 7 - Netto passo avanti rispetto alla pessima prova con la Lazio, va anche vicino al gol nel primo tempo e lo trova nella ripresa. Questo è il Theo che ha imparato a farsi amare dai tifosi rossoneri e non solo. Cinque gol e cinque assist quest'anno per lui.

(Dal 76') Calabria 6 - Mette in campo la sua corsa per il finale di gara.

Franck Kessie, Riccardo Improta | Marco Luzzani/Getty Images
Franck Kessie, Riccardo Improta | Marco Luzzani/Getty Images

Bennacer 5,5 - Una buona gara ma che rischio per il fallo su Dabo, da giallo, a centrocampo, con un'ammonizione già ricevuta. Calvarese lo grazia, Pioli ringrazia e a fine primo tempo lo sostituisce.

(Dal 46') Tonali 6 - Approccia al match con il giusto spirito e con la giusta concentrazione. Ha voglia di giocare, di incidere, e lo si vede fin dalle prime battute.

Kessie 6,5 - Non tocca il pallone ma diventa protagonista con il velo che innesca Calha sul primo gol. Tatticamente fondamentale, come sempre del resto, fa sentire il suo peso in mezzo al campo.

Saelemaekers 6 - Protagonista con l'assist iniziale per Calhanoglu, con il passare dei minuti sparisce dai radar. Qualche iniziativa sulla corsia destra che non crea troppi pericoli e una buona chance per trovare anche il gol. Può fare meglio.

(Dal 76') Castillejo 5,5 - Un paio di buone combinazioni ma è ingenuo rimediando il giallo nel recupero. Diffidato, salterà la prossima gara.

Çalhanoğlu 7 - Ha il merito di sbloccare la gara, coronando una grande azione. Sempre presente. E' il quarto giocatore turco capace di segnare 50 gol nei cinque maggiori campionati europei negli anni 2000, dopo Mevlüt Erdinç (92), Nihat Kahveci (76) e Halil Altintop (67).

(Dall'86') Brahim Diaz S.v.

Leão 6 - Meglio in fase difensiva che in fase offensiva. Alcuni recuperi importanti tra primo e secondo tempo, ma anche qualche accelerazione improvvisa che mette in difficoltà i suoi. Deve essere più continuo e più lucido in zona gol.

(Dal 76') Rebic 6 - Prova a mettersi in mostra nel poco tempo a disposizione.

Ibrahimović 6 - Il suo ritorno coincide con il ritorno alla vittoria del Milan. Non è in un'ottima condizione e si vede. Partecipa poco alla manovra, a tratti è lento e prevedibile, ma è sempre pericoloso. Deve tornare ad aggiustare la mira ma comunque incide tanto, anche solo con la sua presenza.

Segui 90min su Facebook.