Milan-Calhanoglu, rinnovo distante. Ma la priorità del turco è ancora il "Diavolo"

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Archiviato il pareggio contro la Roma che ha interrotto la striscia di vittorie consecutive, ma ha confermato il primo posto in classifica, per il Milan non è solo tempo di pensare allo Sparta Praga, prossimo avversario in Europa League domani. Ma anche tempo di pensare ai rinnovi di contratto di due pedine fondamentali della squadra di Stefano Pioli: Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu.

Pioli e Calhanoglu a colloquio | Marco Luzzani/Getty Images
Pioli e Calhanoglu a colloquio | Marco Luzzani/Getty Images

Se per il portiere rossonero i discorsi sono stati già impostati, per il centrocampista turco la questione è leggermente più in salita. Con il contratto in scadenza il 30 giugno 2021 si sono già cominciate ad affacciare le big europee (addirittura si è informata anche l'Inter) dopo che la prima proposta recapitata dal Milan all'entourage di Calhanoglu (offerta da 3 milioni di euro a stagione) è stata rifiutata. Giudicata troppo bassa la proposta del club rossonero, con gli agenti che in prima battuta hanno chiesto 7 milioni di ingaggio con l'obiettivo di arrivare almeno a 5.

Il centrocampista registra l'interesse del Manchester United e anche estimatori dalla Liga spagnola, ma a Milano sta bene e, per il momento, ha dato la sua priorità al rinnovo con il club rossonero.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.