Milan-Juve a Orsato, la rabbia dei tifosi rossoneri: con lui zero vittorie nei big match, l'ultima sconfitta con la Lazio...

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Non è ancora smaltita la rabbia per l'errore di Marco Serra, che ha inciso sulla sconfitta interna con lo Spezia, e il mondo Milan è nuovamente scosso da quello arbitrale. Ad agitare i rossoneri questa volta è la designazione per il prossimo turno di campionato, che li vedrà ospitare a San Siro la Juventus: sarà Daniele Orsato a dirigere l'incontro, un vero e proprio tabù per il Diavolo. C'è una curiosa statistica che riguarda l'esperto fischietto di Schio, il Milan non ha mai vinto un big match arbitrato da Orsato: 11 i precedenti totali, 6 sconfitte e 5 pareggi che non fanno dormire sogni tranquilli ai tifosi milanisti, che hanno subito manifestato sui social la propria rabbia per la designazione.

Nel dettaglio:

Vs Juventus: 3 pareggi, 1 sconfitta Vs Inter: 1 pareggio, 1 sconfitta Vs Roma: 1 pareggio, 1 sconfitta Vs Napoli: 1 pareggio Vs Lazio: 1 pareggio, 1 sconfitta

L'ULTIMO PRECEDENTE - Proprio la sconfitta con la Lazio è il precedente più recente e caratterizzato dalle polemiche. Tris biancoceleste all'Olimpico, a mandare su tutte le furie il Milan il momentaneo raddoppio di Correa al 51' viziato da un evidente fallo di Lucas Leiva su Calhanoglu a inizio azione a centrocampo: per Orsato tutto regolare e, richiamato dal VAR (Mazzoleni) per un on field review, decise di confermare la decisione dopo pochi secondi di visione delle immagini, lamentandosi con la sala VAR per essere stato richiamato. Ora un nuovo big match del Milan per l'arbitro di Schio: domenica la Juve, per i rossoneri un tabù da sfatare.

@Albri_Fede90

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli