Milan, conferme dalla Germania su Thiaw: l'indizio in allenamento e la concorrenza dall'estero

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il Milan continua a sondare il mercato alla ricerca di un colpo di prospettiva anche per il reparto difensivo, dopo essersi assicurato dalla Stella Rossa l'attaccante classe 2004 Marko Lazetic. Uno dei profili seguiti dal club rossonero è quello del centrale classe 2001 dello Schalke 04 Malick Thiaw, nome gradito all'area tecnica ma sul quale vanno registrati anche i sondaggi di Napoli, di alcune formazioni di Bundesliga e di Premier League. La prima richiesta di 8 milioni di euro della società tedesca è giudicata alta dal Milan, che non a caso segue anche le piste alternative che conducono a Esteve del Montpellier e a Viti dell'Empoli.

GLI INDIZI - Dalla Germania, in particolare Sport1 e Kicker, giungono conferme sulla trattativa che il club di via Aldo Rossi ha imbastito con lo Schalke per provare a raggiungere un accordo per Thiaw, evidenziando come il giocatore non abbia partecipato alla seduta di allenamento di ieri e che non siano state fornite motivazioni ufficiali sull'accaduto. I contatti col Milan e le altre squadre interessano vengono considerati come una delle possibili ragioni della sua assenza, così come si sottolineano le difficoltà di carattere economico che da un po' di mesi a questa parte sta affrontando la squadra con sede a Gelsenkirchen.

POLIEDRICO - Thiaw, centrale difensivo di grandi mezzi fisici e tecnici ma all'occorrenza pure terzino destro e centrocampista, è un titolare fisso dello Schalke 04, al quale è approdato nell'estate 2015 - proveniente dal Borussia Moenchengladbach - e ha già disputato 20 partite nel corso di questa stagione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli