Milan, da Ibra a Kessie, da Calabria a Kjaer oppure una 'conferma': chi sarà il prossimo capitano? VOTA il sondaggio

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Fascia rossonera vacante. Il Milan di Stefano Pioli, dopo aver centrato in extremis la qualificazione alla prossima Champions League con la conquista del secondo posto in classifica in Serie A dietro all'Inter, miglior risultato dalla stagione 2011/2012, si appresta a vivere un'altra annata da protagonista, con i miglioramenti che dovranno essere consolidati, tra conferme e cambiamenti.

ADDIO DONNARUMMA, ROMAGNOLI IN FORSE - Uno di questi riguarderà quasi certamente la fascia di capitano, simbolo del condottiero designato in campo, che vedrà mutare il proprio proprietario: con l'addio ormai certo di Gigio Donnarumma e il posto non più intoccabile di Alessio Romagnoli, in seno al club meneghino stanno avvenendo le prime valutazioni in merito a chi assegnare il vessillo.

DA IBRA A KESSIE, DA CALABRIA A KJAER: I CANDIDATI - I nomi dei candidati sono sotto gli occhi di tutti: il "capitano" in pectore Zlatan Ibrahimovic, vera e propria arma in più dal punto di vista della personalità; Franck Kessie, che per anzianità in rossonero e leadership, oltre al fantastico campionato disputato, si candida senza dubbio alle audizioni; Davide Calabria, cresciuto nelle giovanili del Milan e con una seconda pelle rossonera addosso, visto che è l'unica squadra nella quale ha militato; Simon Kjaer, il "ministro della difesa", assieme a Ibra la vera guida per anzianità e carisma; la conferma di Alessio Romagnoli, capitano uscente ma in odore di addio e comunque non più intoccabile per titolarità.

Secondo voi, chi sarà il prossimo capitano del Milan? VOTATE IL SONDAGGIO

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli