Milan, da Montolivo a De Sciglio: la fascia da capitano diventa una 'maledizione'

Dopo l'addio di Maldini la fascia da capitano del Milan non ha portato grande fortuna a chi l'ha indossata, contro il Crotone può toccare a Paletta.

L'aggressione subita da De Sciglio al termine di Milan-Empoli è solo l'ultimo capitolo, assolutamente inqualificabile, di una maledizione che dura ormai da parecchi anni. Quella che riguarda i capitani del Milan.

Dopo l'addio di Paolo Maldini, peraltro pesantemente contestato nel giorno della sua ultima partita a 'San Siro' da una parte della Curva Sud, la fascia è passata di braccio in braccio senza portare mai troppa fortuna a chi l'ha indossata.

Ma se Massimo Ambrosini, primo erede di Maldini, ha dovuto aspettare di appendere gli scarpini al chiodo per finire nel mirino dei tifosi del Milan a causa di alcuni giudizi espressi in tv è andata decisamente peggio ai vari Montolivo, Abate e appunto De Sciglio.

I tre infatti, capitani nell'ultima fase del Milan berlusconiano, non sono mai stati degli idoli per il popolo rossonero finendo spesso anzi per diventare i primi bersagli quando le cose non andavano bene, proprio come accaduto a De Sciglio durante e dopo la gara contro l'Empoli.

Intanto nella trasferta di Crotone, come riporta 'Il Corriere della Sera', la fascia rischia nuovamente di cambiare proprietario dato che a causa della squalifica di De Sciglio il capitano potrebbe diventare Paletta. Altro giocatore a dire il vero non amatissimo dai tifosi.

Il tutto in attesa che quella stessa fascia un giorno possa finire sul braccio di Donnarumma, lui sì idolo indiscusso della Curva e al cui nome il Milan spera di legare presto il proprio futuro. Raiola permettendo.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità