Milan da scontro diretto, letale in trasferta ed equilibrato tra i reparti: tutti i numeri di un avvio da record

·3 minuto per la lettura

Un avvio di stagione da record, nel solco di quanto realizzato dal momento del rientro in campo dopo la pandemia. Il Milan di Stefano Pioli è una squadra letteralmente trasformata rispetto a quella vista nel pre-Covid, con numeri pazzeschi, quasi mai visti in Serie A e a difficoltà raggiunti anche in Europa: un inizio di annata impressionante in campionato, alla pari del Napoli, con 10 vittorie e 1 pareggio in 11 partite disputate. Ma ciò che stupisce maggiormente della truppa rossonera sono tre peculiarità, evinte studiando i dati e le statistiche: la capacità di essere letale, mortifero in trasferta, la percentuale di scontri diretti con le big portati a casa e il grande equilibrio tra i reparti, dettato da un assetto tattico raramente visto in Italia, che in determinate fasi del gioco ricorda il Bayern di Guardiola (vedi FOTO). Più un Ibrahimovic immortale e un Leao secondo in Europa per dribbling riusciti.

TOP NEGLI SCONTRI DIRETTI: TRE VITTORIE E UN PARI - In un campionato in cui a fare la differenza saranno probabilmente gli scontri diretti tra le big, il Milan ha un grosso vantaggio: ne ha già giocati quattro, uno in casa, contro la Lazio, e tre in trasferta, contro Atalanta, Roma e Juve, vincendone tre e pareggiando quello con i bianconeri. Mancano l'Inter, rivale nel derby domenica prossima, e il Napoli, che arriverà a San Siro il 19 dicembre, ma che a differenza dei rossoneri ha giocato finora soltanto contro Roma in trasferta e Juve in casa, totalizzando 4 punti

SQUADRA DA TRASFERTA - All’Olimpico la squadra di Pioli si è portata a casa la vittoria numero 15 in trasferta nell’anno solare: si tratta della terza volta che accade nella storia, prima ci erano riusciti solo il Napoli (18 vittorie lontano da casa nel 2017) e la Juventus nel 2018 con 15 successi esterni. Inoltre, il Diavolo è la quarta squadra che riesce nell’impresa di aggiudicarsi 10 delle prime 11 partite di campionato disputate: si tratta del quarto club a centrare questo importante traguardo dopo Juventus (due volte), Napoli (due volte) e Roma. Senza contare il dato impressionante dei 78 punti messi a referto nel post lockdown sui 92 disponibili fuori casa.

CHE EQUILIBRIO TRA I REPARTI! IBRA E' IMMORTALE... - Riepilogando, 31 punti su 33 con il secondo miglior attacco (25 reti contro le 28 dell'Inter) e la seconda miglior difesa (10 gol incassati, contro i 3 del Napoli). Numeri che testimoniano un incredibile equilibrio tra i reparti. Non solo: Zlatan Ibrahimovic ha raggiunto quota 150 gol nel massimo campionato italiano, al 28° posto nella graduatoria dei marcatori all time della Serie A, il settimo straniero ad aver segnato almeno 150 gol in Italia, a 40 anni suonati. La rete di ieri è la 400esima nei campionati nazionali in cui ha giocato, il suo primo gol l’ha segnato il 30 ottobre 1999, quando il 15% dei giocatori con almeno una presenza in questa Serie A non era ancora nato (74 su 489).​ I numeri non mentono mai.

@AleDigio89

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli