Milan, Donnarumma poteva essere del Napoli: ecco cosa ha fatto saltare l'affare

·1 minuto per la lettura

Domenica sera alle 20.45 al San Paolo di Napoli andrà in scena Napoli-Milan un gara che da molti è stata definita come sfida scudetto fra due squadre con tanti, tantissimi intrecci presenti e passati. Gennaro Gattuso è il simbolo di questa connessione, passato da essere giocatore, bandiera e poi allenatore del Milan ad essere poi scaricato e oggi si sta prendendo le sue rivincite al Napoli. Bakayoko potrebbe giocare con la maglia azzurra dopo aver vestito quella rossonera, ma andando indietro nel tempo c'è un curioso retroscena che lega anche Gigio Donnarumma al club di Aurelio De Laurentiis.

POTEVA ESSERE AZZURRO - Gigio è infatti nato a Castellammare di Stabia e cresciuto calcisticamente nel club Napoli, ma a 14 anni fu protagonista di una delle trattative più chiacchierate della storia del calcio giovanile. L'Inter aveva di fatto chiuso il colpo, ma poi arrivò Mauro Bianchessi che piazzo il sorpasso decisivo sui nerazzurri per portarlo al Milan. Eppure in quegli anni il Napoli ebbe più volte la chance di tesserarlo.

PREMI TROPPO ALTI - Per tutti i giovani del suo territorio e cresciuti nelle cosiddette società affiliate, il Napoli poteva versare un indennizzo e tesserare i giocatori. La società partenopea allora, riteneva però che i premi di formazione e valorizzazione fossero troppo alti e non volle pagare il prezzo fissato dai vari club. Tanti sono stati i talenti sfuggiti agli Azzurri per questo motivo e fra questi ci fu proprio Donnarumma. Una scelta, quella di Gigio di andarsene dalla Campania, che lo porta ad essere spesso e volentieri accolto male al suo ritorno a Napoli. Domenica gli spalti saranno vuoti, ma il rimpianto di aver perso un talento come il suo rimane sempre nell'aria ad ogni sua parata.