Milan, dopo il tonfo con l'Atalanta ora il calendario sorride fino al derby: 3 turni di scontri diretti per le rivali

Alessandro Di Gioia
·2 minuto per la lettura

Un brutto ko, che ha minato notevolmente le certezze del Milan, nonostante il titolo di Campione d'inverno, insperato e ritenuto impossibile a inizio campionato. Più per il modo in cui è arrivata, che per la sconfitta in sé: gli uomini di Pioli sono stati dominati dal 1' al 90' da quelli di Gasperini, come non si confa a una squadra che vuole vincere lo scudetto. Tre schiaffoni che potranno essere propedeutici per i rossoneri, i quali hanno dalla loro il vantaggio del calendario, nelle prossime tre giornate.

IL CALENDARIO SORRIDE: QUANTE INSIDIE PER LE RIVALI! - A parte il quarto di finale di Coppa Italia contro l'Inter, in programma martedì, il Milan nelle prossime tre gare affronterà tre squadre che lottano per non retrocedere: il Bologna al Dall'Ara sabato prossimo, il Crotone a San Siro quello seguente e lo Spezia al Picco tra due weekend. Alle rivali va decisamente peggio, a partire dall'Inter ​di Conte, che avrà Benevento a San Siro, Fiorentina al Franchi e Lazio di nuovo in casa. La Roma affronterà il Verona all'Olimpico, poi la Juve a Torino e l'Udinese in casa. La Juve di Pirlo avrà Samp in trasferta, Roma e poi Napoli, al Maradona, in attesa del recupero della gara dell'Allianz Stadium. La stessa Atalanta affronterà la Lazio a Bergamo, prima di Torino e Cagliari, così come il Napoli oltre alla Juve (per due volte?) incontrerà Parma e Genoa. Chiude la Lazio, che avrà di fronte Atalanta, Cagliari e Inter.

AUMENTARE IL VANTAGGIO, IN ATTESA DEGLI SCONTRI DIRETTI - Bilancio: tutte le avversarie avranno almeno uno scontro diretto, addirittura qualcuna, come Juventus e Lazio, ben due. Insomma, per Pioli e i suoi non tutto è perduto, considerando i due punti di vantaggio sull'Inter e i 6 sulle terze, in attesa del recupero. Nelle prossime tre giornate, qualora il Milan dovesse ottenere 9 punti, tutt'altro che impossibili, potrebbe vedere aumentato il proprio vantaggio scudetto. In attesa degli scontri diretti del ritorno. Decisivi, quelli sì, in chiave titolo.