Milan: i due dubbi di Pioli verso l'Empoli, idee chiare su De Ketelaere

"Non ho modo di fare esperimenti ora e finché vedrò una squadra che crea e sta bene in campo non c'è necessità di cambiare". Così Stefano Pioli ha dato qualche indizio sulla formazione con cui il Milan affronterà l'insidiosa trasferta di Empoli. Non c'è spazio per inventare, specie alla vigilia di un mini tour de force e alla luce delle assenze delle ultime settimane per gli impegni con le Nazionali. Avanti con il consolidato 4-2-3-1, tra certezze e ultimi ballottaggi.

SI RIVEDE LEAO, CERTEZZE GIROUD E CDK - Certezze che portano il nome e il cognome di Olivier Giroud. Il bomber, fresco 36enne, è costretto agli straordinari, considerando anche le due partite disputate con la Nazionale francese (Austria e Danimarca) saranno 10 le gare consecutive da titolare per l'ex Arsenal e Chelsea. D'altronde, le alternative per Pioli latitano, con Origi ancora ai box e Rebic appena rientrato in gruppo. E proprio il croato non mina neanche la titolarità di Rafael Leao a sinistra, di ritorno dalla squalifica che lo ha costretto a saltare lo scontro diretto con il Napoli. Certezza è anche Charles De Ketelaere alle spalle della punta. Pioli ha confermato di non voler rinunciare alla tanta qualità a disposizione nel ruolo, escludendo quindi l'inserimento dal 1' di un trequartista atipico come Krunic: sarà la sesta partita consecutiva da titolare tra campionato e Champions per il belga, ancora a caccia del primo gol in maglia rossonera. A centrocampo riposa Bennacer, tocca a Tommaso Pobega, già definiti i sostituti degli infortunati Maignan e Theo Hernandez: toccherà a Ciprian Tatarusanu e Fodé Ballo-Touré.

DUE BALLOTTAGGI - E poi ci sono i ballottaggi dell'ultim'ora, quei dubbi che Pioli scioglierà definitivamente solo domani. Anche se l'orientamento del tecnico è abbastanza chiaro, soprattutto per quanto riguarda l'ultimo interprete sulla trequarti, Alexis Saelemaekers è in netto vantaggio su Messias per la casella di esterno destro, il belga (capocannoniere in Champions del Diavolo) avrà una nuova occasione per trovare la prima rete anche in questa Serie A. Attenzione infine al reparto arretrato, dove la titolarità di Davide Calabria ha perso quota nelle ultime ore. Il terzino non è ancora al meglio dopo il problema accusato contro il Napoli e per questo è probabile che parta dalla panchina. Al suo posto non Dest, ma un ritorno al passato per Pierre Kalulu, che aveva mosso i primi passi al Milan proprio da terzino destro: con lo slittamento del francese, toccherà a Simon Kjaer affiancare Tomori al centro della difesa, il danese sta bene e ha smaltito il piccolo fastidio accusato con la Danimarca contro la Croazia.

La probabile formazione (4-2-3-1): Tatarusanu; Kalulu, Kjaer, Tomori, Ballo-Touré; Pobega, Tonali; Saelemaekers, De Ketelaere, Leao; Giroud.