Milan, il closing ad un passo: si è dimesso il CDA rossonero

L'ex presidente del Milan, Silvio Berlusconi, commenta il caso Donnarumma: "Può guadagnare cento milioni, tutti avrebbero fatto la stessa scelta".

Dopo mesi e mesi di attesa, in casa Milan è finalmente in arrivo il tanto atteso closing, che porterà la società in mani cinesi. Nel pomeriggio di oggi si è infatti riunito il CDA rossonero, nel corso del quale tutti gli attuali consiglieri hanno firmato le proprie dimissioni, che verranno successivamente ratificate nella giornata di venerdì.

Questo l'elenco dei consiglieri dimissionari: Silvio Berlusconi, Adriano Galliani, Barbara Berlusconi, Leandro Cantamessa, Paolo Berlusconi, Leonardo Brivio, Pasquale Cannatelli e Giancarlo Foscale.

Galliani dovrebbe comunque prendere parte nella giornata di giovedì insieme all'avvocato Cantamessa all'Assemblea di Lega. Proprio Cantamessa, pur non essendo più consigliere, resterà comunque all'interno della società come legale.

Come già sottolineato, Li Yonghong si trova già a Milano, dove nella giornata di giovedì, dopo aver apposto le ultime modifiche al contratto di compravendita, si recherà ad Arcore per fare visita a Berlusconi (che dovrà decidere se diventare o meno presidente onorario).

Venerdì è prevista invece alle 14.00 la conferenza stampa di insediamento, che verrà seguita dall'assemblea, dove ci sarà il passaggio dalla nuova alla vecchia proprietà. Del nuovo CDA dovrebbero far parte i seguenti elementi:  4 cinesi - i due Li, Lu Bo, e forse Xu Renshuo - e 4 italiani: l’a.d. Marco Fassone, l’avvocato Roberto Cappelli, i manager Marco Patuano e Paolo Scaroni.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità