Milan, il giorno della verità: migliaia di tifosi a Milanello per caricare Pioli e i giocatori FOTO e VIDEO

·2 minuto per la lettura

11.15 - Il pullman del Milan è partito in direzione di Bergamo, dove a stasera alle 20.45 i rossoneri affronteranno l'Atalanta per l'ultima giornata di campionato. Circondati dall'entusiasmo dei tanti tifosi accorsi a Carnago, i giocatori del Milan hanno abbandonato così il loro centro sportivo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

10.40 - I giocatori del Milan

, arrivati da qualche minuto nel centro sportivo rossonero, si sono concessi per un saluto ai tantissimi tifosi che hanno preso d'assalto la zona antistante per caricare la squadra in vista della determinante partita di Bergamo, che vale il ritorno in Champions League dopo 7 anni di attesa.

10.15 - Cresce col passare dei minuti il numero dei tifosi che si sono piazzati nel vialetto che porta al centro sportivo di Milanello per caricare i giocatori del Milan in vista della decisiva sfida di stasera con l'Atalanta. Queste le immagini all'arrivo in auto di Theo Hernandez e altri calciatori rossoneri:

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

9.30 - Un autentico bagno di folla, ancora più imponente di quello che aveva accompagnato la partenza della squadra per Torino, prima dell'impresa sul campo della Juventus. Il Milan, che negli ultimi 90 minuti del campionato si gioca la possibilità di qualificarsi per la prima volta in Champions League da 8 anni a questa parte, ha ricevuto sin dalle prime ore del mattino l'abbraccio dei suoi tifosi, che hanno raggiunto in massa il centro sportivo di Milanello per suonare la carica.

Sono circa 4.000 i sostenitori milanisti che si sono dati appuntamento all'esterno del quartier generale del Milan e che dovrebbero ricevere a loro volta il saluto di Pioli e dei propri calciatori nel corso della mattinata. C'è voglia di fare un'altra impresa per prendersi un piazzamento che, dopo un'annata vissuta stabilmente nei quartieri alti della classifica, potrebbe rappresentare la svolta per il progetto targato Elliott e portato avanti da Gazidis, Maldini e Massara.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.