Milan, il mercato per il centrocampo è già iniziato: la strategia di Maldini

·2 minuto per la lettura

Il mese di giugno e con esso il mercato della prossima estate è ancora lontano, ma anche in casa Milan iniziano a prendere forma alcune mosse in vista della stagione che verrà. Se gennaio vedrà Maldini e Massara impegnati a completare il reparto dei difensori centrali, complice il grave infortunio occorso a Kjaer e l'incertezza legata alla trattativa per prolungare il contratto in scadenza di Romagnoli, tra 6 mesi i dirigenti rossoneri saranno impegnati per migliorare qualitativamente attacco e centrocampo. E per quest'ultimo, in via Aldo Rossi si sono mossi e si stanno muovendo col dovuto tempismo.

MOSSE IN ANTICIPO - L'acquisto anticipato allo scorso agosto del talentuoso fantasista del Bordeaux Yacine Adli per 8 milioni di euro più bonus - lasciato ancora per questa stagione in Francia per proseguire il suo percorso di crescita - rientra nell'ottica di anticipare la concorrenza su uno dei giocatori più promettenti nella sua posizione in Ligue 1 e di bloccare per tempo un giocatore che sappia alternarsi sia a Brahim Diaz da trequartista e all'occorrenza vestire pure i panni del vice-Bennacer come centrocampista di costruzione. E poi c'è il caso di Tommaso Pobega, prodotto doc del settore giovanile rossonero, per il quale è stato studiato un programma di sviluppo che sta pagando i suoi frutti. Pordenone, Spezia e ora Torino: il ragazzo friulano è maturato e si sta ulteriormente completando come caratteristiche, grazie all'ottimo lavoro svolto con lui negli anni da allenatori come Tesser, Italiano e Juric.

MALDINI SE LO TIENE STRETTO - Non solo semplice incursore a suo agio principalmente in una mediana a tre, ma sempre più centrocampista a tutto tondo, capace sia di recuperare un'infinita di palloni sia a proporsi come soluzione offensiva per la propria squadra. Soluzione ideale in vista di una possibile partenza a fine stagione di Kessie e per completare una batteria di "centrali" che ancora non ha potuto contare sul miglior Bakayoko. Una crescita esponenziale che ha stupito persino i granata, che gradirebbero trattenere anche per il futuro Pobega ma che rischiano di scontrarsi con la ferrea volontà del Milan di riportarlo alla base. "E' senza dubbio un giocatore che sta dimostrando di poter essere con noi, ma questo lo sapevamo già l’anno scorso. Gli mancava ancora qualcosina e questo qualcosina va solamente con le partite, non potevamo promettergli di giocare così tanto come sta facendo col Torino. È un ragazzo nostro e ce lo teniamo stretto", ha chiosato Paolo Maldini in occasione del meeting online di AIMC, confermando le anticipazioni di calciomercato.com sul futuro disegnato per Pobega. Il cui profilo potrebbe convertirsi come preziosa carta da giocarsi per registrare una significativa plusvalenza a bilancio o per provare a superare l'Inter nel derby di mercato per Bremer. Ma la scelta del Milan appare chiara: il centrocampista di domani sta nascendo in questi mesi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli