Milan-Inter, Brahim Diaz ha fatto cambiare idea a Pioli: il confronto con Calhanoglu

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Inter e Milan sono appaiati al secondo posto in classifica con 13 punti, due in meno del Napoli. Al derby del 7 novembre manca ancora un mese e mezzo, ma la piazza è già calda. Uno dei duelli a distanza più interessanti è quello tra Brahim Diaz e Hakan Calhanoglu.

GUARDA ANCHE: Milan, Brahim Diaz sbarca a Linate: "Sono contento"

Quest'ultimo ha cambiato sponda del Naviglio in estate, quando ha firmato per i nerazzurri dopo essersi svincolato a parametro zero dai rossoneri. Che per ora non lo rimpiangono più di tanto grazie alla crescita di Brahim Diaz, il quale ha ereditato la maglia numero 10 proprio dal turco. Autore di un gol e due assist in questa prima parte di stagione, mentre lo spagnolo ha segnato tre reti e servito un assist.

GUARDA ANCHE: Inter, Calhanoglu e Radu cantanti per una notte

Brahim Diaz (classe 1999) ha cinque anni in meno di Calhanoglu, che guadagna dieci volte tanto: 5 milioni netti a stagione fino al 2024 contro i 500mila euro dello spagnolo. In prestito oneroso al Milan fino a giugno 2023 per 1,5 milioni all'anno, con diritto di riscatto fissato a 22 milioni e controriscatto a favore del Real Madrid (club proprietario del suo cartellino) per 27 milioni. 

L'allenatore rossonero Stefano Pioli lo ha incoronato dopo la vittoria contro il Venezia: "Brahim Diaz è un trequartista puro, invece l'anno scorso giocavamo con un centrocampista". Chiaro il riferimento a Calhanoglu, il quale nove mesi fa aveva ricevuto un grande attestato di stima dallo stesso Pioli: "Hakan è fantastico, non lo cambierei con nessuno". Brahim Diaz può rifiatare oggi a La Spezia (dove giocherà dall'inizio il figlio d'arte Daniel Maldini) in vista della grande sfida di martedì sera a San Siro contro l'Atletico Madrid di Simeone in Champions League

Per lui la Curva Sud ha rispolverato il coro dedicato a Kakà: "Siam venuti fin qui per vedere segnare Brahim". Il capo ultrà rossonero Luca Lucci risponde via social all'intervista di Calhanoglu: "I veri tifosi del Milan non te la chiedevano prima la foto, pensa adesso... Tranquillo che ti verrà spiegato al derby cosa pensano di te i milanisti! Indegno. Ci si vede a Milano".

          

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli