Milan-Investcorp: cosa c'è dietro alla valutazione di 1,2 miliardi

Sono giorni importanti per il passaggio di proprietà del Milan da Elliott a Investcorp. L’operazione dovrebbe concludersi nei prossimi giorni, sulla base di una valutazione di circa 1,2 miliardi di euro, con la seguente struttura finanziaria: 800 milioni di euro di capitale proprio (equity) per l’acquisto del club messi sul tavolo dal fondo del Bahrain, più altri 400 milioni di euro che arrivano da altre forme di finanziamento, tra cui il “financing” bancario con un gruppo di banche composto da Goldman Sachs e JPMorgan. Secondo Il Sole 24 Ore di questi 800 milioni, circa il 70% sarebbe “permanent capital”, soldi che andrebbero investiti con un orizzonte temporale più lungo del solito, circa 10 anni. Il restante 30% proverrebbe da investitori con un orizzonte temporale minore.

I TRE PUNTI - La valutazione di 1,2 miliardi sarebbe stata definita sulla base dei seguenti tre aspetti: 400 milioni per il progetto di un nuovo stadio per Milano, 400 milioni con riferimento al valore economico della squadra e alle potenzialità commerciali del brand Milan; 400 milioni per i valori economici del club e del fatturato. La firma potrebbe arrivare nei prossimi giorni. All’esame ci sono ancora alcune poste di bilancio, collegate a debiti di vario tipo, anche commerciali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli