Milan, ipotesi nuovo stadio senza l'Inter. E Milanello potrebbe traslocare

·1 minuto per la lettura

Non solo campo. Il fondo del Bahrain Investcorp, che sta trattando l'acquisto del Milan da Elliott sulla base di 1,1 miliardi di dollari, non ha solo l'intenzione di riportare il prestigioso club rossonero a lottare con le grandi d'Europa, ha una serie di progetti di sviluppo immobiliare-sportivo, dei quali il nuovo stadio è solo la punta dell'iceberg. Tra le varie ipotesi sul tavolo - scrive Repubblica - c'è quella di traslocare Milanello, trasferire il centro sportivo nato nel 1963 da Carnago, dalla provincia di Varese, a Milano, nei 27 ettari della Maura, nel parco di Trenno, dove fino a fine 2022 hanno sede le gare ippiche del trotto.

SENZA L'INTER - Al momento è solo un'idea, a differenza dello stadio, per il quale Investcorp, una volta trovato l'accordo per l'acquisto del Milan, vuole accelerare. Una nuova casa di proprietà è necessaria per il salto di qualità, per questo non è da escludere che i nuovi padroni del Milan decidano di andare per conto loro, di abbandonare il progetto di un nuovo impianto con l'Inter, che non ha la stessa fretta. Milano e l'area di San Siro, anche per ragioni di prestigio, hanno la priorità, ma non sono fuori da giochi Sesto San Giovanni e l’area delle ex acciaierie Falck. A differenza di Elliott, Investcorp ha scelto il Milan non per ristrutturarlo e rivenderlo, ma per investire su un marchio prestigioso che intreccia i settori sport, lusso e immobiliare. Per questo lo stadio è la prima necessità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli