Milan-Juventus decisiva solo in un caso. Inter, via gli scontenti per puntare allo Scudetto

Francesco Manno
·1 minuto per la lettura

Dopo la sosta natalizia le squadre del campionato italiano di Serie A sono tornate in campo per le partite della giornata numero 15. Per quello che concerne le posizioni di testa è cambiato ben poco. Hanno vinto tutte le big. Non tutte però hanno convinto. Il Milan, nonostante le tante assenze, continua a sorprendere. Il Diavolo, all'inizio della stagione, veniva accreditato di un quinto, sesto posto. La compagine di Stefano Pioli ha sovvertito ogni pronostico. Il Milan è un gruppo unito, giovane, ma con degli elementi di personalità in grado di trascinare i più giovani.

Ante Rebic | Francesco Pecoraro/Getty Images
Ante Rebic | Francesco Pecoraro/Getty Images

Il match di San Siro tra il Milan e la Juventus potrebbe essere già decisivo solo se a vincere fosse la compagine di casa. I rossoneri, in caso di successo, si porterebbero a più 13 sui bianconeri. La squadra di Pirlo ha ancora una gara da recuperare, ma è chiaro che un distacco così elevato dalla capolista costituirebbe una botta psicologia potenzialmente devastante.

Romelu Lukaku | Marco Luzzani/Getty Images
Romelu Lukaku | Marco Luzzani/Getty Images

L'Inter di Antonio Conte continua a vincere. I nerazzurri non hanno bisogno di particolari innesti, ma soprattutto di cessioni. Il clima nello spogliatoio nerazzurro è da sempre piuttosto bollente. Liberarsi di alcuni scontenti (vedi Erksen, ndr) potrebbe risultare fondamentale per cementare il gruppo.

Il Napoli, infine, non sembra ancora pronto per puntare allo Scudetto. Contro il Cagliari è arrivata una vittoria convincente, ma gli azzurri continuano a sprecare troppe occasioni sotto rete. Per puntare al massimo i partenopei devono acquisire quella cattiveria agonistica che al momento manca ai ragazzi di Gattuso.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Napoli e della Serie A.