Milan, Leao: 'Futuro rossonero? Non so, sto bene a Milano ma vediamo cosa accade'

Intervistato da Dazn, l'attaccante del Milan, Rafael Leao, ha parlato del premio di MVP della Serie A vinto quest'anno, dello scudetto e del suo futuro.

MVP - "Penso che quest'anno sono diventato un giocatore diverso, con più fiducia, con la responsabilità di fare la differenza, di aiutare la mia squadra, ma quello importante era vincere lo scudetto"

I GOL - "In questo anno ho segnato 11 gol in Serie A. Io non sono un giocatore egoista anche se magari può sembrare. Se ho un compagno più libero davanti alla porta io la palla la passo. Devo essere più concreto, questo sì, ma arriverà col lavoro".

PIU' VELOCE - "Io o Theo più veloce? Mai provato, lui è un treno e un giocatore incredibile"

GIOVANI - "Penso che qualche partita è mancata la maturità. Però abbiamo giocatori come Zlatan, Kjaer e tanti alti che sono più vecchi di noi che ci trasmettono la loro esperienza. Questo scudetto fa capire che l'età non conta".

FUTURO - "Io sto molto bene a Milano, al Milan, la città è fantastica. Quando sono arrivato avevo 19 anni e tutti dallo staff ai dirigenti mi hanno sempre dato fiducia. Poi a fine stagone vediamo cosa accadrà"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli