Milan, Maldini e Massara si confermano: De Ketelaere fa sognare, ma Leao è il colpo più grande

Una sessione di mercato con tante idee e molta fantasia quella appena conclusa per il Milan. Paolo Maldini e Frederic Massara si sono confermati come una delle coppie dirigenziali più affiatate e coese a livello internazionale. Non hanno avuto la forza economica per chiudere quelli che erano, probabilmente, gli obiettivi primari come Sven Botman e Renato Sanches ma hanno comunque regalato prospettiva, talento e alternative a una squadra che tanto bene sta facendo da due anni a questa parte. PROGETTO CHIARO - Lo hanno seguito per due anni con il suo Bruges prima di decidere che era arrivato il momento di passare alla fase operativa. Charles De Ketelaere rappresenta la speranza del tifo rossonero di tornare a emozionarsi per la bellezza sulla trequarti. È stato pagato tanto al culmine di una trattativa che sembrava una fiction, ma il ragazzo è un diamante che va solo preservato per farlo brillare. La linea rimane la medesima nonostante il cambio di proprietà: coerenza e lavoro di scouting alla ricerca di quei profili che possano portare a un valore tecnico ed economico nel segno della sostenibilità. Aster Vranckx la scommessa da vincere, Malick Thiaw la possibile sorpresa. L’arrivo di Sergiño Dest è invece la dimostrazione che quando serve il Milan sa muoversi rapidamente sul mercato. IL VERO COLPO - Il più grande colpo di mercato è stato quello di saper resistere alla tentazione di vendere Leao al Chelsea. I blues erano pronti ad avvicinarsi al valore della clausola (150 milioni) ma non hanno mai ottenuto una apertura da parte del Milan. Che ora sarà chiamato alla missione più difficile: il rinnovo dell’attaccante portoghese.