Milan, Montella snobba Dzeko: "Preferisco attaccanti più piccoli"

Goal.com

Il closing oggi, un grande Milan domani. Almeno nelle idee del popolo rossonero. E con in panchina ancora Vincenzo Montella, nuovamente confermato dall'amministratore delegato Marco Fassone anche in caso di mancata qualificazione all'Europa.

"Io sono concentrato sul presente, sull'accesso all'Europa League - dice il tecnico napoletano, intervistato dal 'Corriere dello Sport' - Del resto sono convinto che il futuro si costruisce nel presente. Privatamente e pubblicamente".

Per il prossimo anno, Montella si aspetta che la rosa attuale non venga rivoluzionata: "Il 1° luglio vorrei rivedere tanti ragazzi che ci sono oggi qui con me a Milanello. Credo che con pochi innesti quelli che ci sono oggi potrebbero fare ancora meglio. Molti dei miei calciatori sono migliorati. La loro volontà e i sacrifici si sono visti, i giovani hanno fatto molto bene. Sono fiero di loro a prescindere dalla posizione in classifica".

Già, ma le ambizioni dopo il passaggio di proprietà sono cambiate: "Tanti soldi? Possono bastare anche meno. I prezzi nel mercato non hanno logica. Sicuramente l'obiettivo è raggiungere i livelli di Juventus, Roma, Napoli e Inter. I nerazzurri, nonostante quello che dice la classifica, hanno un potenziale di alto livello", dice ancora Montella.

PS Montella Dzeko
PS Montella Dzeko

Uno come Edin Dzeko potrebbe servire al Milan? Il tecnico non è troppo convinto: "La storia parla per lui, sa dialogare bene con i compagni e ha la fisicità importante da centravanti. Ma io sceglierei gli attaccanti piccoli perché sono più furbi. Il bomber ideale? Ne esiste uno solo: quello che sa segnare tanti gol".

Potrebbe interessarti anche...