Milan, non solo Tanganga: rispunta Ndicka, che ha chiesto la cessione

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Poco più di tre settimane all'inizio del campionato, è tempo di accelerare. Il Milan deve completare la rosa, oltre a Charles De Ketelaere, per il quale resta la fiducia nonostante la distanza con il Bruges, Maldini e Massara solo al lavoro per trovare un nuovo difensore centrale, che sappia rimpiazzare Romagnoli e possa essere complementare a Tomori, Kalulu e Kjaer. Il primo nome sulla lista, al momento, è quello di Japhet Tanganga, 23enne del Tottenham, per il quale è atteso un incontro con Fabio Paratici, ma non è l'unica opzione sul tavolo.

SITUAZIONE NDICKA - Un profilo da considerare, sul taccuino del Milan da gennaio, è quello di Evan Ndicka, centrale francese di piede sinistro classe 1999, protagonista dell'ultima stagione dell'Eintracht Francoforte, chiusa con la vittoria dell'Europa League (ai rigori contro i Rangers). Il prodotto del settore giovanile dell'Auxerre, in scadenza tra meno di un anno, ha già fatto sapere al club che non intende rinnovare, che vuole una nuova sfida. Per questo l'addio sembra essere probabile. Lo ha fatto intendere anche il direttore sportivo Markus Krösche: "Kostic, Kamada e Ndicka sono in scadenza. Non è nei nostri piani lasciare che i giocatori vadano via a parametro zero". Ndicka costa tra i 15 e i 20 milioni di euro, una cifra il Milan considera eccessiva. L'idea del club rossonero è portare in Italia un giocatore in prestito oneroso con diritto di riscatto o a titolo definitivo ma con un esborso minimo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli